Home
martingala

MARTINGALA strategia trading: è una tecnica efficace oppure no?

Scritto da -

Il sistema martingala nel trading può essere utilizzato, ma solo a certe condizioni. Occhio però, perché non è un metodo alla portata di tutti

Un tema che continua ad essere al centro di un aspro dibattito tra sostenitori e dtrattori, è la strategia MARTINGALA trading.
C’è infatti chi la ritiene inutile e chi invece la trova efficace, sia pure a certe condizioni.

Anche se l’argomento si presterebbe a lunghissime discussioni e considerazioni, noi qui non vogliamo essere troppo pesanti, per cui cercheremo di essere essenziali per spiegarti le cose rapidamente.

Cosè la strategia martingala

Partiamo dalla base, definendo anzitutto il significato di martingala che venne introdotta nell’ambito della teoria della probabilità dal matematico francese Paul Pierre Lévy.
Chi già conosce cos’è la martingala, potrà saltare questo discorso e passare al paragrafo successivo.

La martingala è una strategia di scommessa che, di fronte a un evento con due opzioni (come “testa o croce”) prevede il raddoppio della puntata dopo ogni scommessa persa, e continuare a far così finché non si vince.

Come vediamo dal grafico qui sotto, si raddoppia sempre la puntata. Tuttavia alla fine il guadagno netto è pari sempre alla posta iniziale (nell’esempio 50 euro).

martingala-1.jpg

In realtà se viene messa in pratica così, la teoria della martingala è un suicidio economico assicurato.
Per ottenere un profitto minimo bisognerebbe avere teoricamente la possibilità di giocare all’infinito (nella tabella dopo una serie di risultati negativi siamo addirittura arrivati a giocare 25mila euro per vincerne solo 50!), il che significa avere anche risorse infinite e dall’altra parte il banco dovrebbe essere disponibile ad accettare scommesse con raddoppio di posta all’infinito.
Insomma: è uno scenario impossibile ed economicamente illogico.

Eppure la strategia martingala trading ha più senso, tanto da essere apprezzata proprio in ambito finanziario.
Tutto dipende infatti dal modo di usarla. Vediamo perché…

Il sistema martingala nel trading

Se per fare trading utilizzassimo la strategia martingala come visto nella tabella più sopra, come abbiamo detto sarebbe un suicidio finanziario.

Invece molti trader la utilizzano come metodo di gestione dei lotti (qui trovi la spiegazione di lotti, minilotti e microlotti): si aumentano o si riducono quelli negoziati in ogni operazione a seconda del risultato win o loss dell’operazione precedente, e si procede di questo passo finché si riesce a chiudere un’operazione in guadagno.

Così facendo il profitto derivante da un’eventuale operazione vincente elimina i loss derivati da tutte le operazioni precedenti, riportando poi nuovamente il lotto al livello iniziale.

ATTENZIONE. A primo impatto anche questo sembra essere un metodo poco efficace, perché comunque mette sotto pressione le nostre risorse in modo enorme (ricordate la prima regola del trader: preserva il tuo capitale!) visto che ad ogni operazione perdente il lotto viene costantemente aumentato.
Quindi basta una serie di operazioni perdenti consecutive per portare all’azzeramento del conto.
E allora perché molti trader la usano?
Vediamolo.

Perché la martingala si può usare nel trading

Per capire il motivo per cui la strategia martingala trading è potenzialmente efficace, occorre sottolineare una cosa.
Fare trading non è come fare testa o croce, dove ci sono sempre 50% e 50% di possibilità di vincere, e inoltre possiamo vincere o perdere la stessa somma, cioè quella puntata.

Nel trading invece non è così: può succedere che l’entità dei guadagni medi che otteniamo con un certo tipo di strategia sia significativamente superiore all’entità delle perdite medie, oppure può succedere che una strategia non ci espone a subire una lunga serie di operazioni in perdita consecutive.
Ecco, in questi casi la martingala potrebbe dare dei risultati soddisfacenti (ma faremo delle precisazioni importanti alla fine dell’articolo).

Va poi rimarcato un aspetto importante: i mercati si muovono seguendo un trend; rimbalzano sui livelli di supporto e resistenza; ritracciano o invertono. Tutto questo accade di continuo.
In sostanza nel trading non c’è la pura casualità che invece c’è nel gioco d’azzardo.
Questo consente di fare previsioni che non sono sempre al 50-50%, ma spesso hanno una probabilità maggiore di successo che non di perdita. E questa è una differenza importantissima rispetto al gioco d’azzardo.

Aggiungiamo ancora: nel trading ogni operazione non è “isolata” dalla precedente, ma ne risente.
Se oggi il cambio Euro-Dollaro crolla, questo influenzerà il comportamento degli investitori domani, e forse provocherà un rimbalzo fisiologico. Quindi la mia probabilità di successo aumenta.
Nel gioco testa o croce invece ogni lancio è totalmente svincolato dal precedente, ed avrà sempre 50-50%.

Per tutte queste ragioni, la strategia martingala trading può essere applicata con maggiore efficacia.
Tuttavia per gli stessi motivi che abbiamo appena accennato, ogni situazione di mercato va analizzata in modo accurato: va gestito bene il capitale, va valutato con attenzione il rischio di perdita dei trade (statisticamente) e quindi si può definire la propria gestione dei lotti tramite martingala.

Complicato? Sì, non è da tutti.
Ma non abbiamo mai detto che sarebbe stato semplice, abbiamo detto che si può fare.

L’Antimartingala

Questa variante della martingala come dice il nome stesso ribalta il ragionamento. Si aumenta l’esposizione dopo ogni operazione vincente anziché in perdita, finché il sistema subisce una perdita. A quel punto si ritorna alla dimensione di investimento con cui si è iniziata la serie.
Questo sistema non è adeguato se adottiamo strategia che generano poche perdite ma consistenti.

Strategia della serie di perdite

Alcuni suggeriscono una variante della martingala, quella della “serie delle perdite”. Con essa si aumenta la propria esposizione solo dopo una serie di operazioni in perdita (di quanto si aumenta e dopo quanti trade perdenti è un numero lasciato alla valutazione statistica di ciascun trader).

Alla base di questo metodo c’è la convinzione che la serie di perdite non potrà essere infinita (altrimenti vuol dire che non siete fatti per operare sui mercati finanziari) e che incrementando l’esposizione sul mercato si potranno recuperare tutte o parte delle perdite.
Come per le strategie Martingala, anche in questo caso è necessario disporre di un capitale iniziale piuttosto consistente, anche se a differenza della martingala la posizione cresce linearmente e non esponenzialmente.

Strategia della serie di guadagni

Come è facile intuire, in questo caso l’entità della posizione viene incrementata quando abbiamo una serie di operazioni in guadagno, incrementando l’esposizione (di quanto si aumenta e dopo quanti trade perdenti è un numero lasciato alla valutazione statistica di ciascun trader).
Si può adottare questa strategia se la nostra metodologia di trading ci fa chiudere serie abbastanza regolare di operazioni in guadagno, che tuttavia non finiscano poi con operazioni pesantemente in perdita. In questo caso bruceremmo tutto quanto accumulato.

Conclusioni

Quanto abbiamo detto finora merita un piccolo approfondimento conclusivo. All’inizio abbiamo detto che la martingala nel gioco del “testa o croce” non funziona, è un suicidio. Al contrario possiamo dire che nel trading può funzionare.
Si badi bene: può… significa che non è sicuro che funzionerà.
Come in tutte le cose di trading infatti, tutto deve fare parte di un piano strategico e deve sposarsi al meglio con il resto delle condizioni perché funzioni.

Un mercato che si trova in fase bearish o bullish o laterale potrebbe prestarsi per una delle varianti di martingala, ma non per le altre. Un accurato money management sarà in ogni caso indispensabile per fare profitti, così come la valutazione del profilo di rischio delle operazioni che si vanno a negoziare.
E’ necessario quindi che la martingala trovi delle condizioni adatte al suo funzionamento. In questo modo sì che potrebbe rivelarsi efficace.

Non è possibile commentare questo post.

IN EVIDENZA