Home
rsi top bottom failure swing

FAILURE SWING RSI (Top e Bottom): cos’è e strategia operativa su questo segnale

Scritto da -

L'indicatore RSI può formare top failure swing e bottom failure swing trading. Un modo ottimo per trovare punti di inversione

Il FAILURE SWING RSI è una particolare situazione di mercato, che quando si verifica risulta molto efficace per prevedere un’inversione di tendenza del mercato, o quanto meno un esaurimento del trend in corso.

Alla base del failure swing c’è l’utilizzo dell’oscillatore RSI (Relative Strength Index), che è famoso per la sua capacità di identificare delle zone di “ipercomprato” e di “ipervenduto”.

Fu proprio l’ideatore di questo oscillatore, John Welles Wilder Jr, a identificare anche l’efficacia predittiva del Failure Swing.

Cos’è il TOP failure swing trading?

Ci sono due possibili configurazioni di failure swing.
Il TOP FAILURE SWING possiamo definirlo come il rimbalzo del RSI dalla zona di ipercomprato, e il suo successivo ritorno verso di essa senza però superare il picco massimo precedente.
Lo vediamo sfruttando il broker .

top-failure-swing-2

Questa specie di andamento a “M” preannuncia un probabile esaurimento del trend rialzista o addirittura una inversione ribassista, ma solo se si verifica una condizione, che adesso andiamo a vedere…

Come si dobbiamo comportare in presenza di un TOP FAILURE SWING?

Affinché un TOP FAILURE SWING abbia un valore forte come segnale di inversione, è necessario che IL SECONDO RIMBALZO INFRANGA IL FAIL POINT, che sarebbe il punto di minimo toccato durante lo swing, come vediamo nell’immagine in basso sul broker su .

top-failure-swing.jpg

Se questa condizione si verifica, allora “entriamo a mercato sul breakout in corrispondenza del picco minimo toccato tra i due swing (“fail point”) .
Lo stop loss può essere invece posizionato poco sopra il punto di failure swing.

Cos’è il BOTTOM failure swing trading?

Il BOTTOM FAILURE SWING possiamo invece definirlo come il rimbalzo del RSI dalla zona di ipervenduto, e il suo successivo ritorno verso di essa senza però superare il picco minimo precedente.
Anche in questo caso vediamo un esempio concreto tramite .

bottom-failure-swing.jpg

In questo caso abbiamo una specie di andamento a “W”, che preannuncia un probabile esaurimento del trend ribassista se non una inversione rialzista, ma SOLO SE IL SECONDO RIMBALZO INFRANGE IL FAIL POINT (ovvero il punto di massimo centrale).
Se si verifica un “bottom failure swing”, il punto di ingresso è quello del breakout in corrispondenza del picco massimo toccato tra i due swing.
Lo stop loss può essere invece posizionato poco sotto il punto di failure swing.

Una precisazione: il failure swing PUO’ associarsi anche a una divergenza positiva o negativa tra l’indicatore RSI e l’azione dei prezzi, e in questo caso la possibilità di una inversione aumenta. Tuttavia ribadiamo che la divergenza non è una condizione necessaria per poter parlare di failure swing.

Come utilizzare il failure swing?

Abbiamo già detto quando entrare a mercato nel caso in cui si verifichi un “top failure swing” oppure un “bottom failure swing”. Va detto che questi punti possono essere utilizzati anche come punti di uscita da una posizione long o short già assunta nel corso di trend rialzista o un trend ribassista.

Un’ultima precisazione. Il concetto di “failure swing” trading venne adottato da J. Welles Wilder (nel suo libro “New Concepts in Technical Trading Systems“) riferendosi al “suo” RSI, ma può essere ampliato anche ad altri indicatori come il CCI o lo stocastico.
La costante è che il “failure swing” evidenzia una forte indicazione di un inversione del mercato.
Buon trading!

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

IN EVIDENZA