Home
smoothed roc

S-ROC (smoothed Rate of Change), indicatore per le inversioni. Che strategia usare

Scritto da -

L'indicatore S-RoC è una versione attenuata del Rate of Change. Ecco come funziona questo oscillatore

Uno strumento che non tutti conoscono ma molto interessante è sicuramente l’indicatore S-ROC, smoothed Rate of Change.
Si tratta di una versione differente del famoso ROC-Rate of Change, uno dei più importanti indicatori di momentum della categoria “leading”, ovvero quelli utilizzati per cogliere eventuali segnali di inversione del trend.

Questa versione corretta presenta una sostanziale differenza, che sta tutta nel calcolo.
Nel RoC classico infatti vengono utilizzati i prezzi, mentre del S-RoC viene utilizzata la media mobile esponenziale dei prezzi (EMA). Il fine di questa correzione è avere un oscillatore meno “isterico” del RoC.

Come si calcola l’indicatore S-RoC

Questa versione venne introdotta da Fred G Schutzman, e come l’originale serve a identificare la forza di una tendenza, determinando se essa sta accelerando o decelerando, e quindi potrebbe dare luogo a un cambiamento di trend.

Adesso ti proponiamo solo a scopo accademico il calcolo dell’indicatore S-ROC, smoothed Rate of Change.
Eccolo:

S-RoC = (EMA attuale – precedente EMA) / (precedente EMA) x 100

Per il calcolo occorrono due parametri: quello del periodo di calcolo del EMA che è fissato al valore predefinito 13; e poi quello del RoC, con il valore predefinito 21.
Il risultato è una percentuale che viene plottata come oscillatore che ondeggia tra il 100% e il -100%.

Come utilizzare lo smoothed RoC

Come accade per il RoC originale, in un trend rialzista l’indicatore S-RoC tende a rimanere al di sopra dello zero.
Viceversa, durante un downtrend l’indicatore Smoothed Rate of Change sta solitamente al di sotto dello zero.
Per ricevere segnali dal mercato occorre osservare i movimenti dell’oscillatore rispetto alla linea centrale dello zero.

Ci aiutiamo con il grafico in basso, tratto dal broker , dove l’S-RoC è incluso già nella piattaforma come moltissimi altri indicatori.

smoothed-roc-1.jpg

1) Si riceve un segnale di acquisto quando a seguito di un trend ribassista, l’indicatore S-RoC sale e taglia la central line.
2) Si riceve un segnale di vendita quando a seguito di un trend rialzista, l’indicatore S-RoC scende e taglia la linea centrale.

Occhio ai valori estremi…

Come accade per il RoC, anche la versione “Smoothed Rate of Change” dà importanza anche ai valori estremi che può raggiungere.
Se questo oscillatore assume valori di ipercomprato (mediamente intorno a +10%) e ipervenduto (mediamente intorno a -10%) allora è possibile che si verifichi una inversione del trend dei prezzi.

Le zone di ipercomprato/ipervenduto vengono spesso usate come segnale di “profit taking”, ovvero per uscire da una posizione assunta dopo l’attraversamento della linea dello zero.
I due modi di usare il S-RoC diventano quindi complementari l’uno all’altro.

Va precisato che la cosa migliore per individuare correttamente la zona di ipercomprato/ipervenduto è verificarla empiricamente sulla base delle indicazioni passate dell’asset prescelto da negoziare.

Le divergenze tra prezzi e indicatore S-ROC

C’è anche un altro modo di utilizzare l’indicatore S-Roc, ovvero con le eventuali divergenze che si creano rispetto all’andamento dei prezzi.

Se la linea di tendenza del S-RoC viaggia al rialzo mentre i prezzi sono in fase ribassista, questo può indicare l’esaurimento e possibile inversione del trend. Discorso uguale e contrario vale se la linea di tendenza del S-RoC viaggia al ribasso mentre i prezzi sono in fase rialzista.
Va detto che questi segnali sono numericamente molti di meno, ma spesso sono anche i più affidabili.

Possiamo vedere un esemio concreto grazie ancora al broker .

s-roc-divergenza

Come vediamo, durante un trend ribassista si genera una divergenza tra i prezzi che vanno in in discesa e l’S-ROC che invece vira al rialzo. Questo ci allerta riguardo la possibile fine del trend.
Effettivamente, poco dopo il trend si spegne e il mercato entra in una fase laterale.

Conclusioni sullo S-RoC

Molti preferiscono lo Smoothed Rate of Change perché, essendo una versione più attenuata di quella classica, riduce di molto il numero di falsi segnali.
Inoltre essendo meno “isterico” risulta più facile identificare la linea di tendenza dell’indicatore, e di conseguenza anche le eventuali divergenze rispetto ai prezzi.
Come vale per tutti gli indicatori, si suggerisce sempre l’utilizzo in tandem con altri strumenti.
Buon trading!

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

IN EVIDENZA