Home

ORDINE STOP, che cos’è? Definizione e differenza tra BUY STOP e SELL STOP

Scritto da -

Significato di SELL stop e BUY stop, che cosa sono e quando bisogna utilizzare degli ordini simili. Vantaggi e svantaggi degli STOP ORDER

Ci sono diverse modalità di piazzare un ordine sulla piattaforma di trading: MARKET ORDER, STOP ORDER e LIMIT ORDER.
Nel caso del MARKET ORDER il trader impartisce alla piattaforma l’istruzione di comprare/vendere subito, cioè al prezzo che in quel momento è sul mercato.
Negl caso degli STOP ORDER e LIMIT ORDER invece non vogliamo entrare subito sul mercato, al prezzo attuale, ma diciamo alla nostra piattaforma di comprare/vendere soltanto se il prezzo raggiungerà un certo livello.

Questi casi sono molto più frequenti di quanto si pensi.
Riflettici: durante le sessioni di trading ti capita mai di dire: “se il prezzo scende sotto quel livello, compro“, oppure “se il prezzo sale ancora fino a… allora meglio vendere“.
Quando siamo in situazioni del genere, nelle quali cioè vogliamo entrare a un prezzo (futuro) diverso da quello attuale, ci serviamo degli STOP ORDER e dei LIMIT ORDER, conosciuti anche come “ordini pendenti”, proprio perché diventano attivi solo se e quando il titolo raggiunge un prezzo specificato dal cliente.

Che cos’è un ordine stop: definizione

Partiamo anzitutto dalla definizione. Un ordine stop è un’istruzione data al broker affinché esegua un’operazione di acquisto/vendita quando il prezzo di mercato raggiunge un LIVELLO SPECIFICO.
Prima di capire bene cosa sono, vediamo dove possiamo trovarli sulla MetaTrader. Lo facciamo grazie a uno screenshot del broker .

stop-order-buy-sell.jpg

Quando vogliamo piazzare un ordine, alla voce “Tipo” dobbiamo inserire “ordine pendente”.
Subito sotto ci viene chiesto di inserire il tipo di ordine pendente, e ci vengono date quattro scelte: due relative agli STOP e due relative ai LIMIT ORDER.
Ancora più sotto troviamo sia il limite di prezzo al quale rendere esecutivo l’ordine, sia la scadenza dell’ordine pendente.

I due tipi di ordine stop

Esistono due tipologie di ordini stop, a seconda che l’istruzione che diamo alla piattaforma sia di comprare o vendere un asset.
1) ordini di apertura di acquisto in stop (BUY STOP): se diciamo alla piattaforma di acquistare a un prezzo SUPERIORE a quello attuale
2) ordini di apertura di vendita in stop (SELL STOP): se diciamo alla piattaforma di vendere a un prezzo INFERIORE a quello attuale

Alt! Lo so a cosa stai pensando…
“Comprare a prezzo superiore o vendere a prezzo inferiore? Ci sarà un errore…”
E invece l’errore non c’è, perché in molti casi un trader cerca proprio situazioni del genere.
Facciamo degli esempi concreti…

Esempi di buy stop e sell stop

ESEMPIO DI BUY STOP: Immaginiamo che la coppia EUR-USD si trovi a 1,150 e che si stia avvicinando a un livello di resistenza importante, situato magari a 1,180.
A questo punto posso monitorare la situazione per vedere se il prezzo supera quel livello di resistenza, in modo da entrare a mercato comprando (perché a quel punto sono convinto che il prezzo salirà ancora), oppure lasciare che lo faccia la piattaforma per me. Come? Impostando un BUY STOP a 1,180 (in realtà lo fisseremo un po’ più su, perchè vogliamo essere sicuri che non si tratti di una “falsa rottura” della resistenza).
Quando quel prezzo verrà raggiunto, la piattaforma piazzerà l’ordine automaticamente.

buy-stop-order.jpg

ESEMPIO DI SELL STOP: Se la coppia EUR-USD si trova a 1,150 e c’è un importante supporto a quota 1,120, possiamo impostare la vendita se il prezzo scenderà sotto quel supporto. La rottura del supporto infatti ci fa ritenere che il prezzo scenderà ancora.
Fissiamo allora un SELL STOP a 1,120 (in realtà lo fisseremo un po’ più giù, perchè vogliamo essere sicuri che non si tratti di una “falsa rottura” del supporto).
Quando quel prezzo verrà raggiunto, la piattaforma piazzerà l’ordine automaticamente
.
sell-stop-order.jpg

Come vedi, gli ORDINI DI APERTURA STOP ci consentono di cogliere delle opportunità di profitto entrando a mercato quando il prezzo raggiunge un certo livello, senza dover per forza monitorare di continuo i suoi movimenti.
Tutto questo si traduce in un risparmio importante di tempo prezioso, e riduce lo stress del trader.

Il terzo tipo di STOP ORDER: gli ordini di CHIUSURA (STOP LOSS ORDER)

Esiste in realtà un terzo tipo di STOP ORDER, che si differenzia dai precedenti in quanto si tratta di un ordine di chiusura di posizione, e inoltre ha una finalità completamente diversa.

Con un ORDINE STOP DI CHIUSURA, il trader impartisce alla piattaforma di chiudere automaticamente una posizione, quando il prezzo sta andando nella direzione opposta a quella pronosticata e quindi il nostro bilancio sta peggiorando.
In questo caso quindi, lo scopo è evitare di aggravare una posizione in perdita, oppure di bruciare i profitti guadagnati grazie a quella posizione.

Esistono diverse categorie di ordini di chiusura in stop, il più famoso dei quali è lo stop-loss. Ma si possono includere anche il trailing stop e gli stop-loss garantiti.
Ti consigliamo di leggere l’articolo dedicato proprio a questi stop loss operativi.

Vantaggi e svantaggi di un Ordine stop

Come abbiamo già detto, il grande vantaggio degli ordini stop è che ci permettono di gestire le posizioni e cogliere le occasioni di trading, senza dover monitorare costantemente i mercati.
Non va poi trascurato il fatto che gli STOP ORDER, dal momento che “delegano” alla piattaforma il compito di piazzare l’ordine al momento giusto, ti aiutano anche a fare trading evitando tutti quegli errori che sono frutto di fattori emozionali (ad esempio, entrare troppo presto per impazienza).

Lo svantaggio degli ordini stop, è che non vi è alcuna garanzia che gli stessi poi verranno eseguiti. Il prezzo potrebbe solo sfiorare il livello prefissato, oppure risentire di escursioni improvvise di volatilità.
Buon trading!

Non è possibile commentare questo post.

IN EVIDENZA