Home
Real Reais Brasile BRL

Cambio Euro-Real, previsioni sull’andamento futuro della coppia

Scritto da -

Previsioni 2021 sul cambio Eur-Brl (euro real brasiliano) e Usd-Brl (dollaro real). Ecco i temi più importanti

I prossimi mesi saranno proficui per il Real Brasiliano oppure no? Come si evolverà il cambio euro-real? Le previsioni sul Real brasiliano contro euro e dollaro dove ci conducono?
Vediamo di capire che aria tira nel paese Sudamericano.

Prima di tutto però, dobbiamo sottolineare che il Brasile fa parte dei “BRICS”, ovvero un gruppo di paesi che comprende anche Russia, India, Cina e Sudafrica, tutti accomunati da una situazione economica dinamica e in forte sviluppo, eppure molto fragili ed esposti a improvvise turbolenze.
Chi investe in queste valute sa quindi che può correre qualche rischio in più, giacché gli scenari possono cambiare radicalmente in breve tempo, e quindi le loro valute potrebbero avere forti sbalzi di volatilità.
Le previsioni real brasiliano devo necessariamente tenerne conto.

Le riforme e lo slancio economico a partire dal 2016

Fino al 2016 il Brasile ha vissuto anni di dura recessione, che avevano indebolito anche il Real. Basti pensare che il cambio dollaro-real era arrivato a quota 4,01 (che nel 2011 era appena a 1,549), mentre il cambio euro-real è arrivato a lambire 4,40 (nel 2011 era a 2,203).

Nel 2016 però le cose sono cambiate, perché l’economia brasiliana ha intrapreso un percorso di riforme e crescita. Il PIL è tornato a salire, la bilancia dei pagamenti è migliorata, la disoccupazione ha cominciato a scendere.
Anche l’inflazione, che era arrivata addirittura al 10,71%, è poi scesa rapidamente arrivando entro il target accettabile per la Banca del Brasile fissato a 2,75-5,75%.

Grazie a questo scenario il Banco Central do Brasil (BCB) ha potuto ridurre il suo stimolo monetario, tagliando più volte il tasso Selic che all’epoca era arrivato addirittura a 14,25%.

usdbrl-eurbrl.png

Ripresa fino al 2017, nuova frenata nel 2018

Lo slancio economico e riformista ha messo le ali anche alla valuta brasiliana, che fino ai primi mesi del 2017 aveva guadagnato molto terreno soprattutto contro il dollaro, scendendo verso 3,15.

La ripresa però è durata poco, perché c’è stata una brusca frenata che si è protratta anche nel 2018.
Le tensioni USA-Cina sul fronte commerciale e la crisi estiva turca hanno dato una brutta mazzata ai mercati emergenti, che sono stati tutti penalizzati.
Ad aggravare la situazione del Brasile è stata l’incertezza politica, dal momento che non si sapeva chi avrebbe vinto le elezioni che ci sarebbero state nell’autunno di quello stesso anno.

Tutto questo ha penalizzato il Real, che nel 2018 è andato in caduta libera sia contro l’euro che contro il dollaro, al punto che la coppia USDBRL ha raggiunto i massimi pluriennali oltre quota 4.00, mentre nel corso di un anno la valuta brasiliana ha perso il 29% contro l’euro (fonte grafica broker ).

usdbril-2018.png

Un 2019 intenso: il BCB taglia i tassi

L’anno successivo (2019) il Real ha vissuto due fasi ben distinte.
Nel primo semestre dell’anno ha oscillato parecchio: brusco calo in Primavera e poi una forte ripresa.
Nella seconda parte dell’anno invece ha ceduto un poco, ma in seguito si è mosso dentro un range ben definito contro il dollaro (tra 4,00 e 4,25), come vediamo sulla piattaforma di .
Lo stesso andamento in range s’è visto anche contro l’euro (4,40-4,60)

usdbril-2019.png

Quello che ha segnato il passaggio da una fase all’altra è che per la prima volta dopo 12 meeting, il COPOM (il comitato di politica monetaria della BCB) ha cominciato a tagliare il tasso Selic.

Il 2020 segnato dal Covid

Il 2020 ha portato il Brasile ad affrontare la stessa minaccia di tutto il mondo: la pandemia da Covid.
Il crollo economico globale ha penalizzato in prima battuta le valute rischiose, facendo precipitare il Real al minimo storico sul dollaro a 5,99 nel mese di maggio.

Per dare sostegno all’economia in recessione, la BCB ha tagliato altre volte il tasso di interesse, portandolo al livello più basso di sempre al 2% ad agosto 2020.
Le misure di stimolo e la successiva lenta ripresa hanno consentito al Real dapprima di recuperare molto terreno (USDBRL sotto 5,00), ma durante la seconda ondata questo cambio ha di nuovo ripreso a marciare al rialzo (fonte grafica broker ).

img

La ripresa e i rialzi dei tassi nel 2021

A partire da marzo 2021, la forte ripresa dell’inflazione ha spinto la Banca Centrale del Brasile (BCB) ad aumentare il suo tasso di interesse di riferimento, che grazie a cinque strette è arrivato al 6,25%.

Il futuro del cambio euro-real e dollaro-real

Quali previsioni si possono fare sulle coppie Euro-Real e dollaro-Real?
La risposta si intreccia con le questioni politiche interne e gli eventi internazionali.

Sul fronte interno, il presidente Bolsonaro sta portando faticosamente avanti un programma di riforme economiche volto a contrastare l’elevato deficit di bilancio (aggravato dal Covid).
La continuità di questa agenda e la ripresa economica dopo la grave crisi dovuta alla pandemia, saranno molto importanti per imprimere uno scenario favorevole per l’economia brasiliana (e il Real).

Sul fronte internazionale, l’elezione di Biden potrebbe chiudere una lunga fase di tensione USA-Cina sul fronte commerciale; questo è un bel vantaggio per le economie emergenti e in special modo per il Brasile, che si trovava qualche tempo fa nelle tipiche fasi iniziali di un ciclo economico.

Su tutto però domina l’evoluzione della lotta al Coronavirus. La pandemia ha infatti provocato una forte frenata economica globale, con contraccolpi soprattutto sulle valute emergenti.
Vincere questa battaglia sarà cruciale anche per il Real.

Non è possibile commentare questo post.

IN EVIDENZA