coppie-valute-forex.jpg

Coppie più SCAMBIATE e VOLATILI: principali, secondarie o esotiche?

Scritto da -

Quali sono le coppie di valute più volatili e che differenza c'è tra coppie di valute principali, secondarie e esotiche?

Quando scriviamo le guide sugli indicatori o sulle strategie per il Forex, quasi sempre diamo rilievo al fatto che ogni coppia di valute ha le proprie peculiarità che vanno prese nella giusta considerazione quando si decide il tipo di strategia da adottare.
Adesso approfondiremo un aspetto di questo discorso, parlando delle COPPIE DI VALUTE più VOLATILI e SCAMBIATE nel Forex.
Ricordiamo che la volatilità è il grado di oscillazione del prezzo di una coppia di valute in un determinato periodo di tempo. L'elevata volatilità comporta maggiori occasioni di profitto, ma anche maggiori rischi di perdite.


Prima di addentrarci in questo discorso però, dobbiamo distinguere le tre categorie di coppie valutarie:
1) PRINCIPALI
2) SECONDARIE
3) ESOTICHE


Coppie di valute principali (major)


C'è un elemento comune tra tutte le coppie valutarie principali (major), ovvero contengono il dollaro USA .
L'importanza del dollaro è palese, tenuto anche conto che storicamente se si desiderava convertire una valuta, era necessario prima convertirla in dollari USA e poi nella valuta di destinazione desiderata.
coppie-principali-forex-major.jpg
Va precisato che in questo elenco rientrano anche le così dette coppie “Commodity”, ovvero quelle coppie che coinvolgono oltre al dollaro quelle valute associate a beni di prima necessità:
1) AUD / USD (Dollaro Australiano / Dollaro USA) associato a prodotti aurei
2) USD / CAD (Dollaro USA / Dollaro Canadese) associato ai prodotti petroliferi
3) NZD / USD (Dollaro Neo Zelandese / Dollaro USA) associato ai prodotti aurei.



Coppie di valute secondarie o incrociate (cross)


Questa categoria non coinvolge il dollaro, ma coinvolge le coppie di valute dei paesi economicamente più evoluti, incrociandole tra loro. Ecco perché vengono chiamati anche "cross" (incroci). Le coppie più attive derivano da euro, sterlina britannica e yen.
coppie-secondarie-forex-cross.jpg


Coppie valutarie esotiche


In questo caso ci troviamo di fronte alle coppie valutarie che rapportano una valuta principale (come euro o dollaro) e una di quelle che vengono definite "esotiche". Si tratta delle valute di paesi in via di sviluppo, oppure di paesi solidi ma non di primo piano nel panorama economico globale (come Danimarca, Norvegia o Svezia).
Esempi di coppie esotiche sono quindi USD-SEK, USD-BRL e USD-DKK.



Coppie di valute più volatili nel Forex


La classificazione delle coppie valutarie in diverse categorie non è fine a se stessa, dal momento che si riflette in caratteristiche importanti dal punto di vista operativo. In special modo riguardo alla volatilità.


Infatti le COPPIE DI VALUTE PRINCIPALI (MAJOR), in condizioni di mercato normali sono le meno volatili, sono le più scambiate, presentano lo spread più basso e la maggiore liquidità.
Tra tutte, la coppia EUR-USD è la meno volatile, e la sua liquidità è la più alta tra tutte le altre coppie di valute.
Sia chiaro, questo discorso vale in linea generale. Tuttavia quando si verificano eventi importanti oppure vengono rilasciate news di grande portata, anche queste coppie possono avere sbalzi fortissimi di prezzo e picchi improvvisi di volatilità.


Ad un livello intermedio di volumi scambiati e di volatilità ci sono le COPPIE DI VALUTE INCROCIATE. Tra queste ci sono coppie che hanno oscillazioni abbastanza ampie, come quelle che coinvolgono la sterlina (GBP-NZD, GBP-AUD, GBP-JPY e GBP-CAD), ma anche quelle che hanno oscillazioni di prezzo abbastanza modeste come EUR-CHF, CAD-CHF, AUD-CHF e EUR-GBP.


In generale invece le COPPIE DI VALUTE ESOTICHE sono quelle che hanno volumi di scambi ridotti, con bassa liquidità e alta volatilità (in certi casi può diventare anche altissima). Proprio per questo il costo del trading (spread o commissioni) è normalmente più alto rispetto a quello delle coppie principali o secondarie.
Operare sulle valute esotiche è PIU' RISCHIOSO proprio a causa della grande volatilità che le caratterizza. Tuttavia molti trader cercano proprio queste rapide e violente escursioni di prezzo, per via dei buoni profitti che possono generare (chiaramente occorre una accuratissima politica di money e capital management). Non c'è bisogno di sottolineare che occorre una discreta esperienza prima di avventurarsi in questi mercati.
Buon trading!





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: fai la somma dei numeri
N 9 Y 4 s 6
Strategie

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto