Home
trading paypal postepay

Forex e opzioni binarie, chi accetta POSTEPAY e PAYPAL per i depositi?

Scritto da -

Si può fare trading con paypal e postepay con Plus500, eToro, BDswiss e altri broker che accettano le prepagate…

Uno degli aspetti peculiari del trading online è che esso viene svolto davvero in tutto e per tutto tramite il web: dalla registrazione allo scambio di documentazioni, e ovviamente anche lo scambio di denaro (depositi e prelievi).
Se negli USA e in molti posti del mondo le carte di credito sono diffusissime e utilizzate anche per spese di minimo importo, qui da noi in Italia vanno per la maggiore le carte prepagate (la più diffusa è la PostePay), quelle cioè che si ricaricano all’occorrenza. Specie nel popolo dei giovani.

Per nostra fortuna, nel corso del tempo i broker hanno ampliato la tipologia di metodi di deposito/prelievo accettati.
Oggi possiamo dire che un potenziale investitore non ha ostacoli di questo genere per entrare nel mondo del trading online, e fortunatamente molti broker accettano anche PostePay o PayPal.

E’ fuor di dubbio che per diverse ragioni molti trader italiani preferiscono per semplicità ed economicità questi due mezzi per fare depositi. Precisiamo però una cosa importante: l’intestatario della carta deve essere lo stesso del conto trading (ci pare logico ma andava rimarcato).
Ma quali broker li annoverano tra i propri metodi di pagamento?

Chi accetta POSTEPAY

Se avete una PostePay e volete tuffarvi nel mondo del trading online, sappiate che uno dei migliori broker che esistono al mondo la accetta. Vediamo subito…

Plus500 e postepay

Parliamo di , uno degli operatori più famosi al mondo, del quale potete trovare una recensione completa qui. Peraltro accetta un deposito moderato, che appunto può essere fatto anche con la carta prepagata delle poste (in quanto carta di credito Visa).

postepay-plus500.png

E’ possibile anche prelevare con carta postepay. L’unico limite è connesso proprio alla stessa Postepay, che mensilmente può essere ricaricata di 3 mila euro massimo, pari a 36 mila euro annui.
Sinceramente vi auguriamo di imbattervi in questo “problema”…

Chi accetta PAYPAL

Per chi utilizza la PayPal spesso c’è qualche inatteso ostacolo. Alcuni broker infatti non lo accettano come metodo di pagamento per clienti operanti nella UE, per cui trovare chi vi consente questa possibilità è meno facile di quel che si possa immaginare. Ed è un peccato visto che ormai questo è il servizio di money transfer più gettonato, più seguito ed apprezzato nel mondo.

Plus500 e paypal

Come abbiamo detto poco sopra, il broker accetta sia PostePay che Paypal come strumento per effettuare depositi (quello minimo richiesto è di 100), come specificato nella Home page.

plus500-postepay.jpg

eToro e paypal

Un altro intermediario che vi consente di sfruttare il vosto conto paypal è , famosissimo per aver lanciato il social e i . I fondi caricati con Paypal vengono accreditati sull’account entro pochi minuti e la transazione sarà indicata come “eToro (Europe) Ltd.” nell’estratto conto del fornitore di servizi di pagamento.
Qui c’è una recensione completa di eToro.

>etoro-paypal.jpg

Admirals con PayPal

Nel panorama di broker che accettano Paypal va incluso anche , che è un operatore attivo in molte nazioni e destinatario di numerosi riconoscimenti internazionali.
Admirals è un broker ECN/STP, significa che consente ai propri clienti l’accesso diretto al mercato.

Iqoption accetta paypal

Alla lista di operatori che accettano come mezzo di deposito Paypal si è aggiunto anche . Anche in questo caso Paypal è solo uno dei diversi portafogli elettronici che possono essere usati come mezzo per trasferire delnaro dal/sul proprio conto trading.

Conclusioni

Come abbiamo visto, anche se il mercato italiano è molto “orientato” alle prepagate come la PostePay ed ha visto la grande diffusione di PayPal, non è sempre facile trovare un broker che li accetta come metodo di pagamento. Per quelli che vi abbiamo elencato finora, molti altri ci hanno risposto “picche”.
Noi aggiorneremo questa pagina periodicamente, attingendo sempre e comunque soltanto ai broker che reputiamo affidabili.
Ad ogni modo, esistono altri sistemi che si possono utilizzare (come Skrill o Neteller) in alternativa alla nostra postepay.

Non è possibile commentare questo post.

IN EVIDENZA