Home
on balance volume

OBV indicatore (ON BALANCE VOLUME), come usarlo per fare trading nel forex

Scritto da -

L'OBV è uno degli indicatori più classici dell'analisi tecnica, può preannunciarci quando un trend si spegne o c'è una inversione

Quando parliamo dell’indicatore OBV (On Balance Volume) facciamo riferimento ad uno degli indicatori più longevi che sono stati sviluppati per fare trading.

Si tratta di un indicatore di volume, ciò vuol dire che analizzando i volumi di scambio di un asset, l’indicatore OBV ci fornisce una misura della forza con cui si sta muovendo un trend, ossia quanta pressione viene esercitata da parte di chi compra (nei trend rialzisti) oppure da chi vende (nei trend ribassisti).

Prima di vedere come utilizzare l’indicatore OBV, vediamo subito come si presenta sulle nostre piattaforme, sfruttando un famoso broker.

obv-no-balance-volume-1.png
(Fonte grafica piattaforma di trading )

Alla base dell’indicatore OBV c’è il principio dell’analisi tecnica secondo il quale un aumento dei prezzi, per essere davvero credibile deve essere sostenuto ANCHE da volumi in crescita.
Proprio per questo motivo i volumi diventano degli importanti “fari” accesi sul mercato, perché ci dicono quanto è attendibile un trend in corso.

I volumi, le “mani forti” e i prezzi

Secondo l’ideatore di questo strumento (Joseph Grossville), gli investitori istituzionali che muovono grandi capitali (le cosìdette mani forti), solitamente entrano ed escono dal mercato in anticipo rispetto alla massa dei piccoli investitori.
Siccome muovono davvero tantissimi capitali, sono proprio loro che danno una certa direzione al prezzo, mentre i piccoli investitori possono solo seguire la tendenza.

Adesso rifletti: cosa ci può far capire se c’è stato un ingresso sul mercato delle “mani forti”? I VOLUMI DI NEGOZIAZIONE!!
Quando si verifica un aumento robusto degli scambi, può significare che le “mani forti” sono entrate in azione. Questo ci dà la concreta possibilità di predire il movimento futuro del prezzo.

Ma dal punto di vista pratico come possiamo sfruttare l’indicatore OBV?
Te lo mostriamo…

Come utilizzare l’indicatore On Balance Volume

Chiariamo subito che per un utilizzo corretto dell’OBV bisogna IGNORARE IL SUO VALORE NUMERICO e CONCENTRARSI SOLO SUL SUO ANDAMENTO, ovvero se va al rialzo o al ribasso.
Cosa ancora più importante se vogliamo avere delle indicazioni su come potrebbe muoversi il mercato, dobbiamo mettere a confronto la tendenza che sta avendo l’indicatore OBV con quella che sta avendo il prezzo.

Vediamo un caso pratico relativo al cross Sterlina-Dollaro sulla nostra piattaforma di trading.

obv-no-balance-volume-2.png
(Fonte grafica piattaforma di trading )

1) Se OBV e prezzi seguono trend uguali, allora abbiamo una conferma o un rafforzamento del trend.
2) Se OBV è decrescente mentre i prezzi sono in aumento (fase di congestione) è un segnale di indebolimento del trend rialzista, con possibile futura inversione.
3) Se OBV è crescente mentre i prezzi vanno in diminuzione, questo segnala una probabile inversione della tendenza ribassista.

Come possiamo vedere, fino al punto in cui abbiamo tracciato le nostre linee arancioni, il mercato sta giungendo da una fase di trend rialzista, che vede concordi sia prezzi che OBV.
Subito dopo però, sul grafico di vediamo che mentre i prezzi stanno ancora salendo, l’OBV invece inizia ad andare in discesa.
Siamo quindi nel caso prima descritto al punto numero 2, ovvero l’OBV è decrescente mentre i prezzi vanno in salita.
Questo dovrebbe segnalarci una probabile inversione di tendenza.
E infatti… i prezzi invertono la rotta e imboccano la strada di un trend ribassista.


Conclusioni

L’OBV è uno degli indicatori più classici dell’analisi tecnica. Tuttavia, come accade per tanti altri indicatori, non è consigliabile fare trading solo con il suo utilizzo. Può però essere di aiuto nel dare conferma alle nostre previsioni.

Ecco altri indicatori di volume che potrebbero interessarti…

APPENDICE: Il calcolo del On Balance Volume

Per completezza vediamo anche come si calcola questo indicatore.
1) Nel caso di una seduta rialzista, l’OBV si ottiene sommando i volumi in un determinato del giorno all’indice OBV del giorno precedente, nel caso in cui si è avuto un aumento del prezzo.
2) Nel caso di una seduta ribassista, l’OBV si ottiene come differenza tra l’indice OBV del giorno precedente e i volumi registrati nel giorno di osservazione.

Per completezza ti scriviamo anche la formula matematica.
SE[C0-C1]>0:I = +V
SE[C0-C1]<0:I = -V
OBV = OBV+I
Dove
I = valore del OBV del periodo precedente
CO = chiusura corrente
C1 = chiusura del giorno precedente
V = volume

Non è possibile commentare questo post.

IN EVIDENZA