Home
momentum indicatore

L’oscillatore MOMENTUM: cos’è e come viene utilizzato per fare trading online

Scritto da -

Guida all'indicatore Momentum trading che esprime la forza del trend. Strategia operativa per sfruttarlo al meglio

Quello noto con il nome di indicatore MOMENTUM identifica un particolare strumento tra i più semplici e intuitivi (in realtà sarebbe più corretto parlare di oscillatore momentum).
Esso serve per valutare la velocità con cui si stanno muovendo i prezzi di un determinato asset.

Fa parte della categoria degli indicatori leading, ovvero serve ad anticipare i possibili cambiamenti di un trend in modo tale da poter sfruttare l’inversione.

Prima di addentrarci nella discussione, vediamo subito come si presenta concretamente su una delle piattaforme più famose, quella del broker .

oscillatore-momentum-indicator-1.png

Come si può vedere, il Momentum Indicator è una linea che ondeggia attorno allo ZERO, assumendo valori che possono passare da negativi a positivi.
Come stiamo per vedere, dal suo andamento possiamo ricavare delle informazioni utili sotto il profilo operativo.

A cosa serve il Momentum e come si rappresenta

Come abbiamo appena visto, il Momentum è un normale oscillatore che viene rappresentato con una linea che si muove nel grafico attorno allo zero.

Tuttavia, a differenza di altri oscillatori che nella maggior parte dei casi si muovono in un range tra 0 e 100 (o comunque entro certi limiti sia superiori che inferiori), il Momentum non ha limiti per cui può fluttuare liberamente attorno alla linea dello zero.

oscillatore-momentum-indicator-1.png

Rispetto agli altri oscillatori, non esistendo una banda superiore ed una inferiore, è più complicato capire se un mercato si trova in situazioni estreme come ipercomprato e ipervenduto. Possiamo dedurlo solo osservando l’andamento “generale” dell’oscillatore nel tempo, che ci può dare una idea di quando si trova in situazioni estreme.

Le fasi di mercato descritte dal MOMENTUM

Lo scopo di questo oscillatore è dirci quanta spinta stanno esercitando le forze rialziste e ribassiste che interagiscono nel mercato, ossia quanto stanno spingendo il prezzo verso una certa direzione piuttosto che in un’altra.
In pratica, ci dà una rappresentazione dell’intensità di un trend rialzista o ribassista in corso.

Per vedere come ci riesce, aiutiamoci con una immagine tratta ancora dal broker .

oscillatore-momentum-indicator-3.png

Se il MOMENTUM viaggia verso valori molto elevati, vuol dire che la spinta di tori rialzisti è molto forte (e potrebbe esserci una condizione di ipercomprato (overbuy).
Viceversa, se il MOMENTUM viaggia verso valori molto bassi vuol dire che la spinta degli orsi ribassisti sta dominando, e potrebbe esserci una situazione di ipervenduto (oversell).
Se il MOMENTUM si muove in modo orizzontale, significa che i prezzi stanno avendo un andamento costante. Questa situazione è tipica non solo delle fasi laterali di mercato, ma anche di quelle in cui il trend si muove con una certa gradualità verso l’alto o il basso, cioè senza forti strappi.

Tra un poco vedremo quali implicazioni hanno queste situazioni durante le nostre sessioni di trading.

Come si utilizza il Momentum

Ci sono due modi diversi di utilizzare l’indicatore Momentum nel trading. Vediamoli…

Il primo si focalizza sul passaggio verso la linea dello zero.
Quando il Momentum passa da negativo a positivo, si genera un segnale rialzista; nel caso contrario, in cui il Momentum passa da positivo a negativo, verrà generato un segnale ribassista.

ATTENZIONE, USARLO COSì E’ SCONSIGLIATO: usare in questo modo il Momentum è abbastanza inefficace. Infatti da SOLO non ci regala previsioni molto accurate.

Se riprendiamo l’immagine tratta dalla piattaforma di trading , possiamo constatarlo.

oscillatore-momentum-indicator-1.png

E’ vero che in molti casi l’attraversamento dello zero ci fornisce un segnale giusto, ma molte altre volte non lo fa.
Per questo motivo – se usato in questo modo – l’indicatore MOMENTUM ha necessariamente bisogno di essere utilizzato in combinazione con uno o più altri indicatori, che diano conferma del segnale che ci fornisce.

L’altro modo di utilizzare l’oscillatore momentum è più efficace, e sfrutta le divergenze…

Le divergenze generate dal Momentum

Un ulteriore sfruttamento dei valori segnati da tale oscillatore è quando si generano delle divergenze.
Cosa sono?

Solitamente il Momentum si muove in linea con l’andamento dei prezzi, ma può capitare che ogni tanto se ne vada per conto suo. Può capitare cioè che di fronte a nuovo massimo realizzato dai prezzi, non corrisponda un nuovo massimo segnato dall’indicatore Momentum.
In questi casi si parla di “divergenza” prezzo-Momentum.

Possiamo vedere un caso concreto ancora sulla webtrader .

oscillatore-momentum-indicator-2.png

Non sono frequenti queste divergenze, ma quando capitano è molto affidabile il segnale di un possibile ritracciamento dei prezzi verso il basso, a conferma della debolezza dimostrata dal Momentum.
Il discorso vale ovviamente anche nel caso di nuovi minimi.

La variante: Momentum calcolato con medie mobili

Giusto per completezza, ti diciamo che esiste una variante del momentum classico, che anziché essere calcolato come differenza tra due prezzi, viene calcolato come media mobile di una differenza tra i prezzi.
Il risultato di questa variante è quello di ottenere un grafico più omogenee, cioè con linee più morbide e fluide.
Per il resto, valgono gli stessi discorsi fatti per l’oscillatore momentum “classico”.

APPENDICE: Come si calcola il Momentum

Per concludere, a titolo puramente accademico vediamo anche come si calcola questo indicatore.
Per farlo ci si basa sul valore che ha assunto il prezzo in due momenti precisi. I periodi consigliati per misurare il momentum su un grafico variano tra gli 8 e 14 (dipende dal tipo di strumento che si va a negoziare). Si può dire che 10 rappresenta una buona via di mezzo.
Il motivo per cui si scelgono questi valori è che per periodi inferiori a 8 si formano onde troppo marcate e quindi falsi segnali.
Al tempo stesso però, valori superiori ai 14 creano onde minime, e quindi difficilmente interpretabili.

Ecco allora la formula per il calcolo del Momentum:
Momentum (t) = P(t) – P(t-x)
…dove…
Momentum (t) = valore del Momentum al tempo t
P(t) = Prezzo del titolo al tempo t
x = numero di osservazioni

In pratica si fa la differenza tra il prezzo di oggi (t) e quello di qualche tempo fa (t-x), divisa per il numero di periodi che ci sono voluti per generare questa differenza.
In questo modo otteniamo la differenza che si è avuta in media per ogni singolo periodo. Più è elevata, più vuol dire che il movimento di prezzo è stato intenso.

Se ragioniamo in ottica di trend, possiamo quindi dire che valori molto alti o molto bassi del momentum, indicano una forza notevole del trend rialzista o ribassista.
Buon trading!

Non è possibile commentare questo post.

IN EVIDENZA