Home
dollaro-nuova-zelanda-4.jpg

Dollaro NZD in calo dopo il meeting (senza sorprese) della RBNZ

Scritto da -

L'istituto centrale ha confermato i tassi di interesse al minimo storico, ma ha tenuto aperta la porta a nuovi stimoli monetari
Nessuna sorpresa dalla Nuova Zelanda, dove la RBNZ ha deciso di lasciare i tassi di interesse sui minimi storici dell'1,00%, dopo aver effettuato un taglio di 50 punti base in agosto (e di 25 punti base in maggio).

RBNZ meno accomodante di prima


Secondo il Monetary Policy Committee, gli ultimi dati economici non giustificavano un cambiamento significativo delle prospettive di politica monetaria. L'istituto conferma che i tassi di interesse globali a lungo termine rimangono vicini ai livelli storicamente bassi, e aggiunge che i mercati possono aspettarsi che i tassi di interesse della Nuova Zelanda rimangano "bassi ancora a lungo".
Tuttavia, la Rbnz non ha escluso del tutto la possibilità di ulteriori stimoli fiscali e monetari, finalizzati a supportare un'economia che si trova a dover affrontare l'intensificazione del commercio globale - che potrebbe elevare ancora i rischi di una recessione globale - e le pressioni della domanda.
Attualmente i mercati scontano, con una probabilità del 66%, un taglio dei tassi di 25 punti base da parte della Banca centrale nel mese di novembre.


Dollaro Kiwi in altalena


Sul fronte valutario, la decisione della RBNZ ha inizialmente rinforzato il dollaro kiwi. La coppia NZDUSD è infatti balzata a un nuovo massimo settimanale di 0,6350, ma poi non è riuscita poi a preservare i guadagni, come vediamo sulla piattaforma del broker .

img



L'impatto positivo degli annunci dell'istituto centrale neozelandese infatti è svanito rapidamente, poiché gli esperti non vedono abbastanza prove di un'economia più forte.
Va anche detto che l'USD si è ripreso in questa giornata, dopo essere finito sotto pressione sulle notizie di un possibile impeachment contro il presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Vedi tutte le news su:




  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo i numeri
u 8 D 8 a 6
Strategie

IN EVIDENZA
trading-broker.jpg
Cerchi i migliori siti di trading online autorizzati? Ecco un confronto tra le proposte dei broker per accedere ai mercati finanziari
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
segnali-forex-gratuiti-affidabili.jpg
Quali broker offrono segnali trading forex affidabili e gratuiti? Fino a che punto si può considerarli segnali sicuri e come utilizzarli
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader