trump.jpg

Trump minaccia la Cina di nuovi dazi, lo Yen va forte mentre gli emergenti crollano

Scritto da -

Fra domenica e lunedì, in avvio di contrattazioni lo yen giapponese si è apprezzato fino a un massimo dello 0,75% contro il biglietto verde
Il lunedì dei mercati valutari è stato caratterizzato soprattutto dalle vicende relative alla guerra dei dazi USA-Cina. La tensione s'è riaccesa, favorendo soprattutto l'avanzata del "rifugio" Yen, che guadagna un po' di terreno contro il dollaro.

Trump riaccende la miccia con la Cina


Avevano quindi ragione quelli che non si fidavano dell'eccessivo ottimismo che si respirava da qualche tempo a questa parte. Lo dimostra il fatto che il dollaro s'è mosso relativamente poco (e la volatilità complessiva è rimasta bassa) dopo l'ultima uscita del presidente Trump.
L'inquilino della CasaBianca ha minacciato di alzare i dazi sulle merci cinesi, rischiando di fare deragliare i negoziati sul commercio in corso con Pechino. A infastidirlo è il fatto che - a suo dire - i negoziatori cinesi stanno temporeggiando nel soddisfare le richieste USA. Inevitabilmente le minacce di Trump hanno innescato la reazione dei mercati finanziari.



Dollaro tonico, bene lo Yen, male gli emergenti


Fra domenica e lunedì, in avvio di contrattazioni lo yen giapponese si è apprezzato fino a un massimo dello 0,75% contro il biglietto verde (USDJPY).
La coppia EURUSD ha inizialmente subito una moderata ondata di vendite, ma dopo essere scivolata dello 0,40% durante la sessione asiatica, la moneta unica è tornata rapidamente ai livelli di chiusura di venerdì attorno quota 1,12. Il dollaro è stabile nei confronti delle principali valute (tranne che contro lo yen).




Chi perde quota contro il dollaro è la Sterlina inglese (GBPUSD), in calo di circa lo 0,6%. Peggio è andata alle valute emergenti. Crolla il Rand sudafricano (USDZAR +0,70%), male anche il peso argentino ma soprattutto la Lira turca, che è scesa ai minimi sul Dollaro da oltre sette mesi, per via del ritorno alle urne in Turchia, annunciato a sorpresa dalla Commissione elettorale suprema (Ysk), che ha accolto i ricorsi per presunti brogli presentati dalle forze a sostegno del presidente turco Erdogan.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo i numeri
4 h 4 x 9 r
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto