rsi-5-periodi-0.jpg

Strategia RSI 5 PERIODI, ecco i profitti a breve termine (5 minuti)

Scritto da -

Si può usare il settaggio RSI 5 periodi per le proprie strategie di breve termine di scalping

Chi già mastica un po' di trading sa già che l'indicatore RSI è uno dei più noti e utilizzati in ambito operativo. L'acronimo RSI sta per "Relative Strenght Index", e questo oscillatore evidenzia dove si colloca il prezzo rispetto al suo andamento passato, indicando quindi al trader se ci troviamo in una situazione anomala (che chiamiamo di ipercomprato o ipervenduto), ovvero quelle situazioni in cui il prezzo è andato molto sotto o troppo sopra rispetto al suo recente passato (qui parliamo in modo approfondito del RSI).


Quello che vedremo adesso è un modo di utilizzare l'RSI per investimenti di brevissimo periodo (noi lo faremo a 5 minuti), per cui si sposa bene con strategie di SCALPING.


Ripassatina breve: Dal punto di vista grafico l’RSI è una curva che oscilla tra 0 e 100, dove i livelli di interesse per noi sono solitamente quelli prossimi a 30 (al di sotto si parla di ipervenduto) e 70 (al di sopra si parla di ipercomprato). Precisiamo che l'ipervenduto e l'ipercomprato non ci segnalano che ci sarà una inversione del trend, ma che la una situazione è “forzata” rispetto alla normalità... quindi che ci sono le condizioni perché una inversione del trend possa verificarsi.


Strategia RSI 5 periodi


Adesso vedremo una delle modalità con cui possiamo operare tramite l'RSI, ovvero utilizzando un SETTAGGIO A 5 PERIODI anziché il 14 che troviamo di default. Questo significa che l'oscillatore diventa molto più sensibile alle variazioni dei prezzi, e quindi sarà più frequente il verificarsi di situazioni di ipercomprato o ipervenduto.
Impostiamo quindi il valore del RSI a 5 periodi e vediamo come operare...



Come fare trading con RSI a 5 periodi


Per studiare questa strategia sfrutteremo una immagine tratta dagli "strumenti grafici avanzati" della piattaforma FINMAX, broker che propone anche segnali di trading agli utenti.


OPERAZIONE PRELIMINARE da FARE. La prima cosa che dobbiamo è definire sul nostro grafico a 5 minuti i livelli di supporto e resistenza di brevissimo periodo più interessanti (andrà bene nelle ultime 24 ore).
QUANDO e COME ENTRARE A MERCATO. L'ingresso sul mercato dovrebbe avvenire quando i prezzi sono in prossimità dei livello di supporto o resistenza di brevissimo periodo, e contemporaneamente il nostro indicatore RSI entra ed esce da situazioni di ipercomprato (70) o ipervenduto (30). Più precisamente...
Se in prossimità di una resistenza andiamo in ipercomprato, attendiamo che l'indicatore RSI esca da questa zona di ipercomprato (quindi scende sotto 70) e ciò avviene quando siamo ancora in prossimità della resistenza entriamo al ribasso.
Se invece in prossimità di un supporto andiamo in ipervenduto, attendiamo che l'indicatore RSI esca dalla zona di ipervenduto (quindi sale oltre 30) e se quando avviene siamo ancora in prossimità del supporto entriamo al rialzo.
rsi-5-periodi.jpg


Come rendere più efficace la RSI a 5 periodi


Inutile sottolineare che la bontà della strategia dipende dalla accuratezza con cui si evidenziano supporti e resistenze. Meglio saremo capaci di identificarli, maggiori saranno le probabilità di chiudere trade vincenti. Inoltre più sono solidi i supporti e resistenze (ovvero maggiore è il numero di volte che il prezzo ci è rimbalzato contro), maggiormente efficace sarà la strategia.


ATTENZIONE inoltre a non confondere i rimbalzo (con sforamento) su supporti e resistenze con le violazioni degli stessi (cosa che succede anche nell'esempio qui sopra, dove infatti NON entriamo a mercato). Una resistenza che viene parzialmente violata... rimane una resistenza. Solo se viene DEFINITIVAMENTE violata allora diventa un livello supporto.


Va precisato inoltre di evitare questo tipo di strategia in prossimità di eventi macro rilevanti, dal momento che potrebbero verificarsi delle oscillazioni di prezzo molto forti; siccome noi già stiamo usando una versione molto "sensibile" del RSI le escursioni potrebbero davvero diventare impazzite.



Considerazione conclusiva


Essendo una strategia di brevissimo termine, è chiaro che occorre essere SCRUPOLOSI nell'attendere che si verifichino le condizioni di ingresso, SENZA AVERE FRETTA. Bisogna poi mettere in conto che - dal momento che il mercato effettua oscillazioni continue - ci saranno trade vincenti ma ci capiteranno anche diversi trade perdenti. Ma questa è una condizione inevitabile quando si opera sul mercato.
Buon trading!





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi la prima e l'ultima lettera (case sensitive)
1 M F 1 X 5
Strategie

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Scegliere il broker che offre un bonus senza deposito significa partire già con un profitto. Ma poi spetta a te sfruttarlo...
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market