yen-2.jpg

Yen, settimana opaca contro EUR e USD. Inflazione giapponese ancora deludente

Scritto da -

La BoJ dovrà rivedere di nuovo al ribasso le sue previsioni d’inflazione, ciò ritarderà l'uscita della Banca Centrale dalla politica ultra-espansiva
L'inflazione giapponese continua ad essere deludente e ben lontana dal target del 2% fissato come obiettivo dalla BoJ (da raggiungere entro il 2021). Secondo l'Ufficio nazionale di statistica, nel mese di luglio, l'indice dei prezzi al consumo (CPI) ha registrato una variazione positiva dello 0,3% su base mensile dopo il +0,1 registrato nel mese precedente, mentre su anno ha riportato una crescita dello 0,9% contro lo 0,7% di giugno (sulla scia dell’aumento dei prezzi dei generi alimentari freschi e dei carburanti) ma è un rialzo minore rispetto alle aspettative degli analisti (1%).

La componente "core" (di particolare importanza per la Bank of Japan) che esclude alimentari ed energia sale dello 0,1% a livello congiunturale, mentre è salito dello 0,3% tendenziale (+0,2% nel mese precedente). Il dato che esclude la sola componente alimentare aumenta dello 0,1% su mese mentre cresce dello 0,8% su anno.



Peraltro la decisione di consentire una fluttuazione più ampia del rendimento dei titoli di Stato decennali potrebbe spingere lo yen, ma indebolire ulteriormente l'inflazione. Stesso effetto dovrebbe avere anche la decisione del governo di ridurre del 40% le tariffe di telefonia mobile, un settore che contribuisce per lo 0,90% all’espansione dell’IPC di fondo. Se tale risparmio non dovesse tradursi in un aumento dei consumi in altri settori, la mossa finirà per essere dannosa anziché benefica.

Quasi certamente la BoJ dovrà rivedere di nuovo al ribasso le sue previsioni d’inflazione, e questo ritarderà ancora l'uscita della Banca Centrale dalla politica ultra-espansiva.

Sotto il profilo valutario, il cross UsdJpy (il "Ninja") viaggia a 111.18 dopo aver sfiorato quota 111.50. Dopo un avvio di settimana promettente, la valuta giapponese ha cominciato a perdere quota contro il biglietto verde, e soltanto venerdì ha allentato le perdite settimanali (0,68%).



La coppia EurJpy è invece tornata in prossimità di 129.25 yen (+2,28% settimanale) e potrebbe presto dare l'assalto alla quota di grande rilevanza psicologica a 130, che era stata "persa" verso fine luglio.

Vedi tutte le news su:




  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi la prima e l'ultima lettera (case sensitive)
T 9 L 5 D 4
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market