inflazione.jpg

USA, l'inflazione marcia spedita. USD stabile in attesa del meeting Fomc

Scritto da -

La Fed potrebbe diventare ancora più aggressiva nella seconda metà del 2018, alzando i tassi quattro volte in tutto
I prezzi negli USA corrono. Secondo i dati diffusi oggi infatti, il tasso di inflazione a maggio ha segnato un 2,8% su base annua. Il valore è in ascesa rispetto al 2,5% di aprile ed è anche migliore delle aspettative degli analisti, che si erano fermati al 2,7%.
Il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha inoltre comunicato che a maggio l'indice grezzo dei prezzi al consumo è cresciuto dello 0,2% rispetto ad aprile, come da attese degli analisti. Il dato "core" (quello più rilevante per la politica monetaria perché esclude le componenti volatili come energia e alimentari freschi) sale al 2,2% (in linea con le attese) dal +2,1% della rilevazione precedente.

Quando manca un giorno alla decisione del Fomc riguardo il rialzo dei tassi, quest'ultimo dato spazza via ogni residuo dubbio riguardo la mossa restrittiva della FED (peraltro già prezzata dagli investitori).
I mercati adesso sono protesi verso il futuro, ovvero se tenuto conto dei dati macro dell'ultimo trimestre sia immaginabile che la Fed possa diventare ancora più aggressiva nella seconda metà del 2018, portando il numero di aumenti del costo del denaro a quattro.



Il dollaro USA ha reagito in modo freddo dopo il rilascio dell'inflazione. I trader infatti stanno guardando ai prossimi giorni, che porteranno un notevole potenziale di volatilità visto che dopo la decisione sui tassi della Fed ci sarà quella dalla BCE giovedì mattina (che potrebbe iniziare a discutere del rientro da quantitative easing).


La major EurUsd scambia a quota 1.1789, pressoché senza variazioni. Lieve rialzo per l'UsdJpy, che viaggia a quota 110.25 (+0,12%). Il cross GbpUsd perde lievemente quota a 1.3359. Variazione blanda anche per il dollaro contro il franco svizzero: l'UsdChf si trova a 0.9844.
Il Dollar Index è a 93.195, in leggera crescita.

Vedi tutte le news su:




  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: fai la somma dei numeri
9 x A 8 Z 9
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market