Home
trading broker

BROKER AUTORIZZATI CONSOB e società di trading: la lista dei migliori

Scritto da -

Ecco una guida e una TABELLA per scegliere tra i migliori broker regolamentati Consob

Il primo passo per fare trading in modo efficace è senza dubbio scegliere la piattaforma migliore in relazione alle proprie esigenze.
E’ essenziale che sia regolamentata! Ancora meglio se è tra i broker autorizzati Consob (la nostra autorità di regolamentazione dei mercati finanziari).

Scegliere il proprio broker è un passo tutt’altro che semplice, sia perché la lista dei migliori broker e società di trading autorizzate è bella lunga, sia perché sfortunatamente è ancora più lunga quella dei broker NON autorizzati, dai quale dovrai stare alla larga! (qui trovi l’elenco aggiornato dei broker illegali).

La tabella dei migliori broker autorizzati

Noi adesso proviamo a darti il nostro contributo, mostrandoti una TABELLA CON I BROKER REGOLAMENTATI che vanno per la maggiore, con le loro caratteristiche più importanti.
Sfruttala perché siamo sicuri che ti tornerà utile per orientarti.

Subito dopo la TABELLA approfondiremo alcuni aspetti.

I broker autorizzati Consob

La prima cosa che ti evidenziamo è molto importante. Dal momento che viviamo nell’Unione Europea, non è necessario che un broker ottenga la “licenza” da tutte le autorità dei singoli Paesi. Basta averne una sola, e proprio in virtù delle norme comunitarie, questo consente al broker di operare legittimamente in TUTTI i Paesi UE.

Per questo motivo non troverai in giro tanti broker autorizzati Consob, perché la maggior parte sceglie di chiedere la licenza in altri Paesi (spesso è la CySEC cipriota), dove è fiscalmente più conveniente avere la propria sede.
Però questo non deve allarmarti, perché come abbiamo detto poco fa non è importante che sia tratti di broker autorizzati Consob, l’importante è che siano REGOLAMENTATI.

Fortunatamente ci sono tantissimi operatori che sottostanno alla vigilanza delle Authority più importanti in Europa: la FCA britannica, la CySEC (quella standard cui fanno riferimento quasi tutti i broker, come ad esempio oppure per citarne alcuni), fino a giungere anche alla Consob italiana (dove è registrata ad esempio CY, n. di registrazione 4161).

Molti broker peraltro hanno più registrazioni, giacché svolgono i loro servizi con società differenti a seconda del paese in cui operano.

scelta-broker.jpg

La scelta dei migliori broker e siti di trading

Scegliere il broker giusto è un passo necessario e per questo richiede il tempo adeguato.
Fare trading con una piattaforma che non ti piace è come fare una gara di FormulaUno con una macchina scomoda: rende tutto più complicato.
Anche nel trading online avere lo strumento giusto conta eccome.

Valuta quali sono i requisiti più importanti per te: velocità, rapidità nell’esecuzione degli ordini, condizioni economiche vantaggiose (bonus, deposito minimo, importo minimo di ogni operazione, ecc).
Ognuno di questi aspetti potrà influenzare in modo più o meno forte la tua scelta.

Ogni trader infatti ha le proprie esigenze e i propri gusti: a te potrebbe piacere un broker con spread bassi, e allora potresti trovare molto interessante un broker come , oppure potresti dare un peso maggiore al numero di asset disponibili (e allora potresti scegliere ).
Questione di esigenze e di necessità, ognuno ha le proprie, e in base ad esse dovrà scegliere la propria piattaforma trading autorizzata.

..la piattaforma

Nella tabella abbiamo indicato quale interfaccia viene utilizzata da ciascun broker.
E’ un aspetto importante – come abbiamo già accennato poco fa – perché la piattaforma è il “ponte” tra te e il mercato, per cui devi trovarti a tuo agio: deve essere “user-friendly”, cioè facile e intuitiva.

Molti broker utilizzano la piattaforma MetaTrader (la più famosa al mondo), altri invece hanno investito tanto sullo sviluppo di una piattaforma specifica per i loro clienti, con contenuti spesso davvero unici (ad esempio oppure ).
Nella TABELLA comunque è specificato che interfaccia viene utilizzata da ogni broker.

Ti ricordiamo inoltre che puoi sempre sfruttare i CONTI DEMO con soldi virtuali per fare “allenamento” e testare la piattaforma che ti fa sentire più a tuo agio.

Gli aspetti economici e operativi

Se i fattori tecnici sono essenziali, non di meno contano quelli economici.
Il DEPOSITO MINIMO è uno dei fattori su cui si gioca la concorrenza tra operatori. Per questo motivo te lo abbiamo indicato in tabella.
Rispetto a qualche anno fa comunque, l’importo minimo per avere un conto trading è decisamente diminuito.
C’è addirittura chi non impone alcun limite minimo.
Non esistono più invece i tanto richiesti BONUS, perché a inizio 2017 il regolatore CySEC ha vietato ai broker regolamentati di proporli ai loro clienti.

bonus-trading.jpg

Altri aspetti determinanti sono COMMISSIONI e SPREAD.
Questi fattori incidono direttamente sulle tue operazioni, aumentando/diminuendo il costo che dovrai sostenere per effettuare l’operazione (nel caso di commissioni e spread).

Ci sono i broker che offrono conti a Zero spread ma prevedono commissioni (i così detti ECN); ci sono quelli a spread fissi (la maggior parte) e poi ci sono broker a spread variabili.
Quale sia quello più conveniente dipende dal tipo di trading che farai. Il tema della scelta in base allo spread lo abbiamo visto in questo articolo.

Servizi aggiuntivi

In alcuni casi nella TABELLA abbiamo indicato anche dei servizi accessori che i singoli broker offrono.
Ci sono quelli che propongono SEGNALI DI TRADING (come oppure ) oppure broker che propongono un servizio di COPY TRADING (ovvero quello strumento che con un solo clic ti permette di “clonare” le operazioni di altri trader, scegliendoli in base a diversi parametri).

Per ragioni di spazio non abbiamo potuto inserire davvero tutto nella TABELLA.
Ad esempio l’attenzione che ogni operatore dedica alla formazione dei propri clienti, i servizi accessori come le analisi tecniche e fondamentali quotidiane direttamente in piattaforma o via sms, mail, la possibilità di creare indicatori personalizzati, la profondità del database del passato.
Chiaramente quando scegli il tuo broker devi considerare tutto tutto tutto.

Conclusioni

Se hai seguito il discorso, adesso dovresti essere più in grado di districarti nella lunga lista di migliori broker e siti trading presenti sul mercato.
Purtroppo abbiamo dovuto ridurre il discorso all’essenziale, ma siamo certi di averti chiarito alcuni aspetti principali per fare una scelta consapevole.
Ricorda che la scelta della migliore piattaforma trading autorizzata non può essere presa alla leggera, devi rifletterci bene.
Buona scelta e buon trading!

Non è possibile commentare questo post.

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA