Home
rupia.jpg

La Bank of India non tocca i tassi. Rupia in recupero sul dollaro

Scritto da -

La RBI attende i prossimi dati sull'inflazione per valutare eventuali tagli al costo del denaro nel prossimo meeting
Nessun cambio nella politica monetaria indiana. La RBI (Reserve Bank of India) non ha proceduto al taglio dei tassi, decidendo di lasciare il costo del denaro al 6% nel corso della riunione di mercoledì. Questo malgrado le preoccupazioni crescenti circa il rallentamento dell'espansione economica e un'inflazione ancora sotto il target (4%, con margine di tolleranza accettabile di +/-2%).

Va però detto che la dinamica dei prezzi è tornata ad essere sostenuta, visto che dopo tre mesi consecutivi nei quali era andata in calo, ce ne sono stati due in cui è balzata da 1,54% a 3,36%. E' possibile che la RBI attenda i prossimi dati - in uscita il 12 ottobre - per valutare eventuali tagli al costo del denaro nel prossimo meeting di politica monetaria.

Ricordiamo che lo scorso 2 agosto l'istituto centrale indiano tagliò i tassi di 25 punti base, portandoli al 6%, livello più basso registrato dal 2010, proprio per sostenere la crescita dell'inflazione. Quei "fattori transitori e strutturali che possono ancora spingere la deflazione", ai quale alludeva la RBI proprio ad agosto, sembrano essersi disinnescati.



Sotto il profilo valutario, ultimamente la rupia sta guadagnando terreno nei confronti del dollaro USA. Il cross UsdInr viaggia verso quota 65. Appena una decina di giorni fa era in orbita 66, dopo un lungo rally del biglietto verde cominciato un mesetto fa.

Vedi tutte le news valutarie su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi il primo e l'ultimo numero
8 Y 7 x 7 W
Trading strategies

confronto-reali-forex.jpg
Ultime notizie
criptovalute-2.jpg
NEO sarà protagonista nel lancio del protocollo DeFi Flamingo Finance, che introduce l'interoperabilità nelle reti blockchain
etf-2.jpg
Il basso livello del costo del denaro rappresenta un vantaggio per i settori ad alto rendimento come utilities e immobili
rublo-russia-3.jpg
Elvira Nabiullina ha detto che prenderà in considerazione la necessità di ulteriori tagli dei tassi nelle prossime riunioni

IN EVIDENZA
trading-broker.jpg
Cerchi i migliori siti di trading online autorizzati? Ecco un confronto tra le proposte dei broker per accedere ai mercati finanziari
segnali-forex-gratuiti-affidabili.jpg
Quali broker offrono segnali trading forex affidabili e gratuiti? Fino a che punto si può considerarli segnali sicuri e come utilizzarli
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
opzioni-binarie-divieto.jpg
Aggiornata a giugno 2020. Evitate le fregature: l'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market