Home

Dumpling Top e Fry Pan Bottom, i pattern d’inversione che durano tre fasi di mercato

Scritto da -

Analisi tecnica: Dumpling Top e Fry Pan Bottom sono pattern di prezzo che possono evidenziare delle opportunità molto interessanti

Tra i tantissimi pattern di prezzo che si possono ritrovare sui grafici facendo trading online, ci sono due pattern di inversione noti come Dumpling Top e Fry Pan Bottom, uno l’opposto dell’altro.
Questi pattern vengono composti da un numero variabile di candele (da 6 fino a oltre la decina), e quando si verificano possono essere delle opportunità molto interessanti per fare trading profittevole.

Dumpling Top

Quando durante un trend rialzista si verifica la configurazione che stiamo per esaminare, potrebbe essere il segnale di una imminente inversione ribassista, che comunque necessita di avere conferma almeno all’apertura della prima candela dopo quella che completa il pattern.
Vediamo subito come si presenta con un esempio concreto tratto dal broker .

dumpling1.jpg

In linea di massima il Dumpling Top si caratterizza per tre fasi:
1) prima fase di esaurimento del trend rialzista: le candele da grosse diventano più piccole
2) una fase laterale, dove regna l’indecisione del mercato e le candele sono piccole e allineate
3) inversione di direzione verso un trend ribassista, con formazione di un gap down.

Quello che accade in un pattern simile è che il trend rialzista si esaurisce progressivamente. Poi si crea una tensione tra compratori e venditori tale da “bloccare” il prezzo (indecisione del mercato). Infine si inverte la direzione del trend.
A tal fine riteniamo molto importante che ci sia un gap (o lap) subito prima dell’inizio della fase ribassista, perché proprio questo gap down sancisce il passaggio del controllo del mercato dai tori agli orsi.

Solo dopo tale formazione è consigliabile l’apertura di posizioni short (vendere).
Lo Stop Loss si posiziona in corrispondenza del massimo del pattern.
Riguardo al TARGET, come tutti i pattern di prezzo anche il dumpling tops non ne identifica uno con precisione. E’ consigliabile quindi porlo ad una distanza almeno doppia rispetto al nostro stop loss.

Fry Pan Bottom

In questo caso siamo in una situazione speculare e contraria rispetto al Dumpling top, infatti il Fry Pan Bottom si genera durante un trend ribassista, segnalando una possibile inversione di tendenza.
Vediamo quindi subito un esempio concreto, e poi lo analizziamo.

fry-pan-bottom.jpg

Anche nel Fry Pan Bottom possiamo osservare tre distinte fasi di mercato:
1) Una prima fase nella quale la tendenza ribassista si smorza, con candele sempre più ridotte
2) Poi il mercato entra in una fase laterale, dove regna l’indecisione
3) Inversione di direzione verso un trend rialzista, con formazione di un gap up.

Anche in questo caso riteniamo necessario avere conferma almeno all’apertura della prima candela dopo quella che completa il pattern. Solo dopo è consigliabile l’apertura di posizioni long (comprare).
Lo Stop Loss si posiziona in corrispondenza del minimo del pattern.
Riguardo al TARGET, anche in questo caso è consigliabile porlo ad una distanza almeno doppia rispetto al nostro stop loss.

Adesso proseguiamo con la nostra analisi dei pattern più noti.
Ecco quelli che dovresti studiare con attenzione:

Non è possibile commentare questo post.

IN EVIDENZA