Home
dollaro.jpg

Volatilità del dollaro al 9,3% secondo JpMorgan. Siamo ai minimi da un anno

Scritto da -

I mercati hanno avuto il tempo per "prezzare" il rialzo dei tassi e la vittoria della Clinton alle presidenziali
L'indice di volatilità del dollaro è scivolato ad un livello che non si vedeva dallo scorso 8 dicembre. Secondo una stima di JPMorgan Chase & Co, siamo al valore del 9,3%, il più basso del 2016.
Perché le oscillazioni si sono ridotte? La ragione è duplice. I mercati infatti hanno avuto tempo e modo per "prezzare" adeguatamente sia il probabile rialzo dei tassi da parte della FED, che la vittoria della Clinton alle presidenziali.

Riguardo al primo fatto, gli analisti danno ormai quasi al 70% la probabilità che venga aumentato il costo del denaro negli States a dicembre. E siccome di questa ipotesi se n'è cominciato a parlare alcuni mesi fa, il mercato ha avuto tutto il tempo per adeguarsi e prepararsi a dovere.
Circa la situazione della presidenziali, vale un discorso simile. Il candidato democratico Clinton ha nel corso degli ultimi mesi ampliato il suo vantaggio contro il repubblicano Trump. Attualmente siamo al 50% contro il 38-40%, e questo ha contribuito a ridurre in modo progressivo l'incertezza politica sul destino degli USA.

L'indice di volatilità del dollaro continuerà a contrarsi - sostengono dalla Swissquote Bank - a mano a mano che la Clinton allargherà o consoliderà il suo vantaggio.
Il mercato sembra così aver già definito qual è la dimensione ottimale del dollaro, che non per niente si è andato rafforzando nell'ultimo periodo. Il Bloomberg Dollar Spot Index, che confronta il biglietto verde e le altre 10 valute principali, è aumentato dello 0.1% raggiungendo il livello più alto dal 16 marzo.




  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo i numeri
1 T z 5 F 2
Strategie

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
trading-broker.jpg
Cerchi i migliori siti di trading online autorizzati? Ecco un confronto tra le proposte dei broker per accedere ai mercati finanziari
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
segnali-forex-gratuiti-affidabili.jpg
Quali broker offrono segnali trading forex affidabili e gratuiti? Fino a che punto si può considerarli segnali sicuri e come utilizzarli
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader