Home

Euro-Dollaro in ripresa oltre 1,17. Ma il quadro generale rimane incerto

Scritto da -

Qualche segnale positivo dà di nuovo vigore all'appetito al rischio e frena l'avanzata del dollaro Usd

Malgrado i dati sui contagi siano ancora drammatici e il rischio di nuovi lockdown aumenti sempre di più, qualche segnale positivo dà di nuovo vigore all’appetito al rischio. La corsa del dollaro va quindi in pausa, e l’euro si risolleva (EURUSD). I dati incoraggianti sul fronte macro arrivano sia da Europa (sull’inflazione e soprattutto sulle immatricolazioni auto) che dagli USA (vendite al dettaglio e fiducia dei consumatori).

Sempre da oltreoceano giunge poi una notizia che dà speranza: la casa farmaceutica Pfizer ha chiesto alla Fda un’autorizzazione d’emergenza per la produzione del suo vaccino, se supererà l’attuale fase di test.
Inoltre i membro del Consiglio direttivo della BCE, François Villeroy de Galhau, ha sottolineato che l’attuale posizione accomodante della banca europea è appropriato, il che allontana la prospettiva di tassi negativi nella Eurozona.

Il quadro complessivo rimane comunque molto delicato, anche perché mancano progressi nei colloqui sulla Brexit, e poi c’è il nervosismo che accompagna il rush pre-elettorale negli USA.

La coppia di valute così si prende una boccata di ossigeno dopo essere scesa sotto 1,17. Tuttavia i rendimenti statunitensi più elevati supportano il biglietto verde, che sta registrando perdite modeste. Le medie mobili più grandi si dirigono ben al di sotto del livello attuale, mentre gli indicatori tecnici si librano entro livelli neutri, privi di una chiara forza direzionale.

Non è possibile commentare questo post.

IN EVIDENZA