Home

L’Euro avanza ma poi torna indietro. EUR-USD resta su 1,18

Scritto da -

Si sente anche il peso della questione Brexit: l'UE ha dato alla Gran Bretagna un ultimatum di 3 settimane per modificare la sua posizione

L’euro scappa ma poi torna indietro, nell’ultimo giorno di lavoro sui mercati. La valuta unica si era riavvicinata a 1,19 contro il biglietto verde, in seguito ai discorsi dei responsabili delle politiche della BCE durante la prima parte di sessione. Ma poi ha fatto dietrofront.

Il giorno dopo il meeting senza sussulti dell’istituto centrale (dove sostanzialmente la Eurotower ha evitato di prendere misure contro il rafforzamento della moneta unica), il governatore Lagarde ha affermato che il rischio di una seconda ondata di infezioni da coronavirus crea incertezza alla ripresa economica.
Philip Lane, capo economista della BCE, ha poi chiarito che la’Eurotower è aperta anche a politiche molto accomodanti.
Infine Schnabel, membro del Comitato esecutivo della BCE, ha aggiunto che le misure della banca stanno funzionando, ma alcune di esse potrebbero richiedere molto più tempo per dare i loro frutti.

Dopo la prima parte della giornata, la coppia ha rinunciato ad alcuni dei suoi guadagni, appesantita dalle incertezze sulla questione Brexit. L’UE ha dato alla Gran Bretagna un ultimatum di 3 settimane per modificare la sua posizione sulla Brexit, il che ha inacidito la propensione al rischio degli investitori.

Anche il rilascio di dati positivi sull’inflazione negli Stati Uniti per agosto da parte del Bureau of Labor Statistics ha trascinato la coppia al ribasso. Il mese scorso l’indice dei prezzi al consumo ha mostrato un progresso di 1,3% su anno e di 0,4% su mese, in ambo i casi leggermente superiore al consensus.
Così l’ si è ritirato verso 1,183.

Non è possibile commentare questo post.

IN EVIDENZA