Home
dollaro-3.jpg

Dollaro in calo dopo i dati sul lavoro deboli. EUR-USD su quota 1,11

Scritto da -

Sono state avviate 145 mila nuove buste paga nei settori non agricoli (non-farm payrolls) rispetto alle 243 mila di novembre
Il dollaro perde leggeremente quota in chiusura di settimana, dopo che i dati sul lavoro hanno deluso le attese, evidenziando un aumento dei Non Farm Payrolls più contenuto rispetto a quanto avevano previsto gli analisti.

Non Farm Payrolls deludenti


Secondo il Bureau of Labour Statistics, gli occupati del solo settore privato sono aumentati di 139 mila unità (erano previste 152 mila).
Il tasso di disoccupazione è rimasto fermo al 3,5%, in linea con le attese, ma sono state avviate 145 mila nuove buste paga nei settori non agricoli (non-farm payrolls) rispetto alle 243 mila di novembre (rivisto da un iniziale 266 mila). Il dato sugli occupati è leggermente sotto le attese degli analisti che indicavano +164 mila.

Le retribuzioni medie orarie - dato ritenuto molto importante dalla FED in quanto buon indicatore sia dello stato di salute del mercato del lavoro che delle pressioni inflazionistiche - registrano un incremento dello 0,1% su mese e del 2,9% su anno, attestandosi a 28,32 dollari. .
I dati comunque non hanno cambiato le aspettative degli operatori, secondo i quali la Federal Reserve manterrà i tassi d’interesse ai livelli attuali per buona parte di quest’anno.


Euro-dollaro stabile su 1,115


Sul mercato dei cambi, il dollaro ha perso solo leggermente quota nei confronti dell'euro. La coppia EurUsd è tornata poco sopra il livello 1,115, dopo aver fallito nei giorni scorsi un altro tentativo di spingersi oltre quota 1,12, come possiamo vedere sulla .

img

Il dollar index, che misura l'andamento del biglietto verde contro un paniere di valute principali, è sceso dello 0,1% a 97,30. L'indice del dollaro ha toccato il massimo di due settimane di 97.584 durante la sessione.

Vedi tutte le news su:




  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi la prima e l'ultima lettera (case sensitive)
8 x 2 s 6 X
Strategie

IN EVIDENZA
trading-broker.jpg
Cerchi i migliori siti di trading online autorizzati? Ecco un confronto tra le proposte dei broker per accedere ai mercati finanziari
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
segnali-forex-gratuiti-affidabili.jpg
Quali broker offrono segnali trading forex affidabili e gratuiti? Fino a che punto si può considerarli segnali sicuri e come utilizzarli
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader