dollaro-nuova-zelanda-3.jpg

Dollaro Kiwi più forte dopo la RBNZ "falco". Il cross NZD-USD guadagna oltre l'1%

Scritto da -

La Reserve Bank of New Zeland ha deciso di lasciare il costo del denaro al minimo storico dell'1,75%, come si aspettavano i mercati
Una banca centrale più possibilista riguardo una stretta monetaria, il rialzo del petrolio e qualche schiarita sul fronte della guerra dei dazi USA-Cina, hanno dato la spinta al dollaro neozelandese, che guadagna oltre un punto percentuale contro il collega USA.

La Reserve Bank of New Zeland ha deciso di lasciare il costo del denaro al minimo storico dell'1,75%, come si aspettavano i mercati. L'ultimo ritocco avvenne a novembre 2016: una riduzione del tasso dello 0,25%. Il governatore Orr ha chiarito che il tasso attuale è coerente con l'obiettivo di massimizzare l'occupazione sostenibile e perseguire il target di inflazione. Tuttavia, ha aggiunto che la prossima mossa potrebbe essere tanto restrittiva quanto espansiva.



Le condizioni economiche generali sono positive, ma esistono dei rischi riguardo alla recessione che potrebbe colpire alcuni partner commerciali, cosa che avrebbe ripercussioni sui "Kiwi".
Secondo la RBNZ, l'inflazione potrebbe aumentare rapidamente se le imprese trasferiranno in misura maggiore gli aumenti dei costi sui prezzi. La RBNZ prevede che i prezzi al consumo di base aumenteranno gradualmente fino al punto centrale dell'intervallo obiettivo della banca centrale al 2%.

Sul fronte valutario, l'atteggiamento più hawkish della RBNZ ha spinto il dollaro neozelandese. Il cross NzdUsd è volato a 0,6852, guadagnando oltre un punto percentuale.




Il "kiwi" ha inoltre raggiunto un massimo settimanale contro l'aussie (AudNzd a 1,0397), per poi stornare una fetta dei guadagni.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi il primo e l'ultimo numero
6 w F 5 v 2
Strategie

IN EVIDENZA
trading-broker.jpg
Cerchi i migliori siti di trading online autorizzati? Ecco un confronto tra le proposte dei broker per accedere ai mercati finanziari
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
segnali-forex-gratuiti-affidabili.jpg
Quali broker offrono segnali trading forex affidabili e gratuiti? Fino a che punto si può considerarli segnali sicuri e come utilizzarli
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader