Home
trend following

Migliori INDICATORI di TREND following, ecco la guida e quali sono

Scritto da -

Ecco l'elenco degli indicatori trend following, che segnalano l'esistenza di una forte tendenza di mercato da cavalcare

L’evoluzione dei prezzi di un asset finanziario alterna fasi in cui si muove secondo un trend ben definito ad altre in cui non ha alcuna tendenza. Sappiamo inoltre che per ogni situazione di mercato (trend oppure no) esistono degli indicatori più efficaci di altri. Nelle situazioni di tendenza chiara i trader utilizzano gli indicatori di trend following, che derivano da uno dei concetti più noti in ambito finanziario: “Trend is Your Friend” (il trend è tuo amico).

Come funzionano gli indicatori trend following

Gli investitori che vengono definiti “trend-followers” sono quelli che invece di provare a prevedere il mercato in anticipo, fanno il possibile per seguirlo quando già s’è mosso verso una direzione ben definita.
In cambio di questo approccio più “sicuro”, ne accettano anche il suo limite maggiore: muovendosi a cose fatte, le loro mosse non potranno mai essere perfettamente tempestive. Infatti essi comprano dopo che il mercato ha già iniziato a salire e vendono solo dopo che il mercato ha cominciato già a scendere.

A causa di questo sono ben consapevoli che molte volte i segnali che ricevono potranno essere troppo tardivi, ma sono convinti anche di una verità: “One good trend pays for all the whipsaws”, ovvero che basterà seguire un solo trend molto sostenuto per ripagarsi di tante piccole entrate malriuscite o tardive.

Per rendercene conto, guardiamo questo esempio di utilizzo dell’indicatore ZigZag, sfruttando la piattaforma del broker .
Immaginiamo il profitto che avremmo ottenuto se fossimo riusciti a cavalcare uno di quei due trend finali, sia pure entrando con un po’ di ritardo…
zig-zag-indicatore-2.jpg

Veniamo adesso al dunque. Lo scopo di questo articolo è vedere gli strumenti – ovvero i migliori indicatori di trend following – che si possono sfruttare, mentre in un altro articolo esamineremo le STRATEGIE TREND FOLLOWING (breakout e swing trading), ovvero i sistemi per sfruttare concretamente le “cavalcate” dei trend in corso.

I migliori indicatori di trend following

Questi indicatori fanno parte della famiglia degli “indicatori lagging”, ovvero quelli che forniscono dei segnali soltanto dopo che il nuovo trend è iniziato.
Adesso vediamo una lista dei più noti e utilizzati strumenti di questo tipo, e successivamente vedremo un esempio su come utilizzarne uno. Ogni indicatore può essere approfondito cliccandoci sopra…

Attenti al settaggio degli indicatori trend following

Un altro aspetto importante da considerare quando si “maneggia” questo tipo di strumenti riguarda il settaggio da utilizzare, ovvero i parametri da impostare per essi. Il parametro più importante è quello del periodo di riferimento.

Se si prende come riferimento un periodo troppo ampio (ad esempio 200 periodi passati), si avranno pochissimi falsi segnali ma ahinoi anche un bel ritardo nel segnalarci i trend. Al contrario, periodi di riferimento brevi ci consentiranno entrate in trend molto tempestive, ma purtroppo ci esporranno a tanti falsi segnali (in pratica molti dei trend segnalati in realtà non lo sono).

Facciamo un esempio sfruttando ancora la piattaforma del broker .
Come si può vedere qui sotto, a sinistra abbiamo usato un ADX con periodo 14 che oscilla un po’ di più rispetto all’ADX a 28 periodi che abbiamo usato a destra.

indicatori-trend-following-2.jpg

In linea di massima non si può definire un periodo ottimale che valga sempre e comunque, tutto infatti dipende dal tipo di mercato sul quale tradare, le cui condizioni potrebbero cambiare da asset ad asset.

Conclusioni

Come abbiamo già detto, in un altro articolo spieghiamo le STRATEGIE TREND FOLLOWING, ovvero come utilizzare in modo concreto questi indicatori. Prima però facciamo le ultime considerazioni…

Anzitutto ribadiamo che gli indicatori di trend following hanno l’indiscusso pregio di identificare le tendenze, ma anche il difetto di farlo solo in modo tardivo, ovvero quando il trend è già cominciato.
Un altro aspetto che va sottolineato è che sebbene gli indicatori siano i principali strumenti tecnici del trader, non bisogna fare affidamento esclusivamente su di essi per prendere decisioni di trading.
I loro segnali vanno sempre confermati in base alle analisi del movimento del prezzo, che è quello che comanda il gioco. E’ indispensabile peraltro utilizzare questi indicatori in tandem con altri strumenti quali trendlines, supporti e resistenze, oscillatori, per cercare di evitare i falsi segnali.
In questo modo si potrà costruire un trading system efficace.
Buon trading con !

Non è possibile commentare questo post.

IN EVIDENZA