dollaro-nuova-zelanda-3.jpg

Nuova Zelanda, inflazione giù e rialzo dei tassi più lontano. Ma il cross Nzd-Usd vola

Scritto da -

Il dato sull'inflazione allontana l'ipotesi di una stretta monetaria da parte della RBNZ nel prossimo meeting di agosto
L'inflazione rallenta in Nuova Zelanda e l'ipotesi che la RBNZ possa operare una stretta monetaria torna a farsi poco concreta. I dati dello Statistics New Zealand evidenziano che il CPI su base annuale è sceso di 0,5 punti percentuali all'1,7%, ovvero un ritmo più lento di quello che si aspettavano gli analisti, che peraltro già vedevano un calo rispetto al 2,2% dell'ultima rilevazione.
A pesare sono state soprattutto le dinamiche dei prezzi di benzina, tariffe aeree e altre categorie auto-correlate, che hanno più che compensato gli aumenti per alcun beni alimentari, affitto ed energia elettrica.

Il dato sull'inflazione allontana l'ipotesi di una stretta monetaria da parte della RBNZ, che già al termine dell'ultima riunione aveva confermato il tasso all'1,75%, ovvero ai minimi storici. Pur manifestando un certo ottimismo per come procede la ripresa economica, il Governatore Wheeler era stato lungimirante nel cogliere ancora molti segnali di incertezza.



Tenuto conto che storicamente le aspettative di inflazione devono accelerare verso il 2,5-3% prima che la Banca centrale della NeoZelanda faccia una mossa, al momento possiamo escludere che ci sarà qualche ritocco ai tassi quando ci sarà il prossimo meeting a inizio agosto.

Sul mercato valutario intanto, il dollaro Kiwi ieri - subito dopo i dati sull'inflazione - è scivolato verso il basso. Il cross NzdUsd ha infatti repentinamente perso circa 100 pips, ma piano piano ha ripreso a marciare forte. Al punto tale che mercoledì è arrivato a toccare il massimo dell'anno solare (NzdUsd a quota 0,7358) durante il quale complessivamente ha guadagnato quasi 6 punti percentuali sul biglietto verde. A dire il vero, più per demeriti altrui che per meriti propri (basti pensare che il Dollar Index, che misura il biglietto verde contro un paniere di 6 valute principali, è arrivato a toccare 94,27, ovvero il suo livello più basso in 11 mesi).
Dal punto di vista tecnico, occhio all'importante resistenza a quota 0,74.

Vedi tutte le news valutarie su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi il primo e l'ultimo numero
4 U 5 i 7 F
Strategie

IN EVIDENZA
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
bonus-trading.jpg
Scegliere il broker che offre un bonus senza deposito significa partire già con un profitto. Ma poi spetta a te sfruttarlo...
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market