petrolio.jpg

Petrolio, il mercato si mette in attesa: dopodomani è il giorno chiave per l'OPEC

Scritto da -

Il 25 maggio si deciderà se estendere il piano di contenimento della produzione. Ma intanto lo shale oil americano avanza
Mancano solo un paio di giorni alla prossima riunione OPEC in programma il 25 maggio, e gli investitori si preparano a vivere l'ennesima fase molto delicata di questa commodity. E' chiaro che stanno aumentando le pressioni sui Paesi membri affinché accettino di prolungare gli accordi fino a marzo 2018 e tagliare ulteriormente la produzione, al fine di dare un po' di respiro al mercato.
Il punto è che nessuno può dire con certezza se e in che misura un nuovo accordo potrebbe creare un contesto di maggiore stabilità dei prezzi dell’oro nero.

Il primo accordo, raggiunto a novembre scorso, riguardava un taglio di circa 1,5 milioni di barili al giorno da parte dei membri dell'OPEC. Il beneficio sui prezzi è stato contenuto, perché dopo un forte slancio che aveva portato i prezzi oltre i 54 dollari, adesso si è scesi fin verso 46 dollari.
Tuttavia, almeno tutto questo è servito a stabilizzarli (anche per via dell'impegno della Russia di ridurre a sua volta la produzione).



Da qualche giorno è noto l'impegno di Arabia Saudita e Russia per estendere i piano fino alla primavera del 2018, e altri paesi si sono accodati a questa decisione (Kuwait) che mira a mantenere bassa la produzione almeno sino al prossimo anno (1,8 milioni di barili in meno di cui 1,2 milioni dai produttori OPEC e 600 mila da quelli non-OPEC).
Tutto ciò ha provocato un rally di breve durata del mercato petrolifero.
Lo possiamo vedere sul grafico di Plus500 (le sue caratteristiche le puoi vedere nella tabella in coda all'articolo).





Ancora una volta però, il timore per lo shale oil statunitense (aumentato sia in termini di produzione che di numero di impianti di estrazione attivi) ha finito per frenare lo slancio del mercato. Anche se la sua crescita non è stata tale da bilanciare i tagli del'OPEC, comunque è un fattore di cui tenere conto.
Ed a proposito di USA, sulle quotazioni hanno avuto oggi il loro peso anche i rumors su un piano della Casa Bianca per la vendita di metà delle riserve strategiche USA (Fonte: Reuters).
Se così fosse, si correrebbe il rischio di creare un eccesso di greggio sul mercato. Un altro duro colpo per l'Opec.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi il primo e l'ultimo numero
8 D 1 s 2 i
Strategie

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex per ottenere profitti dalla speculazione valutaria. Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market