dollaro-3.jpg

Dati sul lavoro negli USA deludenti: solo 20mila posti creati. Il dollaro USD frena

Scritto da -

Secondo i mercati le possibilità di una riduzione del costo del denaro nel 2019 sono salite fino al 25% (ieri erano al 14%)
Il dollaro frena la corsa, scivolando sui dati relativi al mercato del lavoro (Non Farm Payrolls), ovvero proprio quei dati che finora erano stati sempre fonte di soddisfazione e ottimismo.

I dati sui Non Farm Payrolls


Secondo l'ultimo report, durante il mese scorso l'economia americana ha creato soltanto 20mila posti di lavoro, un'inezia in confronto ai 180mila che erano stati previsti.
La delusione è stata solo mitigata dal dato sul tasso di disoccupazione (considerato meno rilevante), che è sceso al 3,8% dal 4% del mese precedente e dal report sui salari orari (spie di possibili pressioni inflazionistiche) che sono lievitati del 3,4% su base annuale, il massimo dall’aprile 2009.



Anche se il dato in sé non è sufficiente per scatenare allarmismi, dà comunque maggior ragione alla Federal Reserve che ha impresso uno stop nella normalizzazione della politica monetaria.
Non a caso dopo questi dati, secondo i mercati le possibilità di una riduzione del costo del denaro nel 2019 sono salite fino al 25% (ieri erano al 14%).
Va però anche ricordato che nei 2 mesi precedenti i NFP avevano registrato due grossi exploit, per cui una frenata diventa più comprensibile.

Gli effetti sul dollaro


I dati resi noti questo venerdì hanno aumentato i timori degli investitori, penalizzando il dollaro (anche se in misura moderata). Se ieri il cambio tra euro e biglietto verde era sceso sui minimi dal giugno 2017 in area 1,12, oggi la major EURUSD è risalita fino a 1,123.



Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi la prima e l'ultima lettera (case sensitive)
R 8 W 6 U 4
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto