won-1.jpg

SudCorea, i dati macro e la guerra commerciale convincono la BoK a fermare i tassi (1,50%)

Scritto da -

La tensione USA-Cina ha un grosso impatto sulla Corea del Sud, visto che americani e cinesi sono i suoi primi due partner commerciali
La Banca centrale della Corea del Sud (BoK) ha congelato il costo del denaro, dal momento che l'economia mostra alcuni segnali di rallentamento e la pressione inflazionistica rimane bassa. Per questo la Bank of Korea ha votato per mantenere il tasso di interesse all'1,5% (ultimo ritocco a novembre dello scorso anno).

Come detto, tra le ragioni che hanno spinto la BoK a questa scelta ci sono i dati economici deludenti.
Il PIL è stato rivisto al ribasso, ad un tasso di crescita del 3%. Allo stesso tempo l'istituto ha detto di prevedere che le pressioni inflazionistiche non saranno ancora elevate (1,5% contro il target del 2%).



In più l'occupazione non sembra ancora avere ingranato. Il numero mensile di posti di lavoro di nuova creazione è stato 100.000 per il terzo mese consecutivo, segnando una delle letture più basse dalla crisi finanziaria globale del 2008.
Infine il debito delle famiglie è in costante aumento e ha raggiunto il record di 1.468 miliardi di won (1,36 trilioni di dollari) nel primo trimestre di quest'anno. Anche per questo è stato escluso un aumento dei tassi, onde evitare di appesantire ulteriormente il bilancio delle famiglie.

Va poi tenuto conto che le incertezze sulla guerra commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina ha un grosso impatto sulla Corea del Sud, visto che americani e cinesi sono i suoi primi due partner commerciali.



Alcuni osservatori hanno affermato che la BOK non aumenterà probabilmente il tasso di base entro la fine dell'anno, mentre fino a pochi mesi fa si riteneva possibile un allineamento al ritmo dei rialzi da parte della Fed.

Dal punto di vista valutario, il won (KRW) prova a stabilizzarsi contro il dollaro, dopo essersi deprezzato tremendamente a partire dal mese di giugno, quando la coppia UsdKrw è passata da 1.066 fino a 1.128.
Discorso analogo per il cambio EurKrw, che è andato sulle montagne russe passando da 1.325 di aprile a 1.249 di giugno fino a tornare oltre quota 1.300 negli ultimi giorni.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: fai la somma dei numeri
C 2 E 5 M 7
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market