dollaro-australia-2.jpg

Australia, tassi stabili all'1,5%. Aud-Usd e Aud-Cad ai minimi plurimensili

Scritto da -

La RBA mantiene un atteggiamento prudente rispetto alla politica monetaria. Il costo del denaro dovrebbe rimanere fermo fino al 2019
Non è giunta nessuna sorpresa dall'Australia. La scorsa notte, per la diciannovesima riunione consecutiva la Reserve Bank of Australia (RBA) ha deciso di mantenere i tassi invariati all'1,5%, ovvero al minimo storico (livello raggiunto nell'agosto del 2016 con una riduzione di 25 punti base). Del resto le condizioni generali dell'economia australiana non sono mutate granché rispetto alle ultime riunioni.

La crescita economica è prevista di poco sopra al 3% nel 2018 e 2019. L'andamento dell'inflazione - l'ultimo report è di pochi giorni fa - mostra un andamento del CPI stabile rispetto al mese scorso all'1.9%, e sotto le previsioni che invece lo vedevano in linea con il target del 2%. La crescita dell'occupazione si muove a ritmo più lento negli ultimi tempi, anche se il Governatore della RBA si è detto fiducioso che riprenderà a marciare. Preoccupano sia i consumi delle famiglie che l'andamento del mercato immobiliare.



Tutti questi fattori giustificano pienamente la decisione della RBA di mantenere un atteggiamento prudente rispetto alla politica monetaria. Il costo del denaro dovrebbe rimanere fermo nel 2018 e forse anche in parte del 2019.

Sul mercato valutario, la coppia AudUsd ha avuto un deciso calo negli ultimi tempi, chiudendo al ribasso per sette degli ultimi otto giorni di negoziazione consecutivi e crollando di oltre il 3% dal massimo di aprile di 0,7783. La coppia è ora scambiata in minimi di cinque mesi verso quota 0.7520.

Ha toccato invece i minimi trimestrali il cambio con il dollaro Canadese. Il cross AudCad viaggia attorno quota 0.96591 ed è ormai da un mese che si muove costantemente in declino.
La valuta australiana rimane stabile al momento contro l'euro (EurAud a 1.6024), e anche contro il dollaro kiwi (AudNzd a 1.0707) nei confronti del quale è in corso un movimento al rialzo da alcune settimane.

Vedi tutte le news su:




  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo le lettere (case sensitive)
1 p 2 L 3 h
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market