dollaro-2.jpg

Usa, dati sul lavoro flop. Ma sono la crisi siriana e l'attentato a Stoccolma a condizionare i mercati

Scritto da -

I dati macro sostengono l'ipotesi che la FED avrà un atteggiamento prudente riguardo i prossimi rialzi dei tassi
Si attendevano indicazioni confortanti sull'economia USA dai dati sul lavoro, ma invece l'occupazione americana è andata in frenata. A marzo infatti sono stati creati 98.000 posti di lavoro, metà circa di quello previsto. Si tratta del dato peggiore da circa un anno, anche se il tasso di disoccupazione è ancora diminuito passando dal 4,7% al 4,5% (mai così giù dal maggio 2007).

Bene però sono andati i salari orari, che durante la fase di ripresa sono sempre stati un ostacolo notevole: stavolta hanno mostrato a marzo un incremento dello 0,2% nel mese e del 2,7% nell'ultimo anno, in frenata però rispetto a febbraio.



Questi dati sostengono ancora di più chi - in seno alla FED - predica prudenza nel processo di stretta monetaria. Quest'anno sono attesi almeno altri due rialzi dei tassi, dopo quello del mese scorso, e difficilmente pare che si possa andare oltre.

Va detto che nel complesso la giornata sui mercati valutari è stata scossa anche da altri fattori non macro.
Sul fronte strettamente politico infatti, il presidente Usa Donald Trump ha detto che ritiene siano stati fatti dei progressi nelle relazioni bilaterali fra Stati Uniti e Cina, dopo aver incontrato il presidente cinese Xi Jinping.



E poi c'è la gravissima situazione geopolitica. L'attacco americano alla Siria (con tutti gli sviluppi del caso che potranno esserci nei rapporti tra gli USA e la Russia, con l’ONU in mezzo), cui ha fatto seguito un attacco di probabile stampo terroristico a Stoccolma, ha suggerito ai mercati finanziari di non esporsi troppo. E comunque è stata una giornata convulsa, con sali e scendi improvvisi.



  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo le lettere (case sensitive)
h 6 E 6 G 3
Strategie

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
bonus-trading.jpg
Scegliere il broker che offre un bonus senza deposito significa partire già con un profitto. Ma poi spetta a te sfruttarlo...
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market