Home
Yuan cinese CNH CNY

Cina, la PBoC non tocca i tassi. Yuan verso la settimana peggiore degli ultimi 2 mesi

Scritto da -

Nel frattempo la PBoC ha iniettato miliardi di yuan attraverso prestiti a medio termine nel sistema finanziario all’inizio di questa settimana

Non giungono novità dal meeting della People’s Bank of China (PBoC), che ha mantenuto invariati i tassi di interesse di riferimento per i prestiti alle imprese e alle famiglie per il 16esimo mese consecutivo, come ampiamente previsto.
Il tasso di prestito a un anno (LPR) è stato mantenuto invariato al 3,85%, mentre il quinquennale è rimasto al 4,65% (la maggior parte dei prestiti nuovi e in essere in Cina si basa sull’LPR di un anno, mentre il quinquennio viene utilizzato per la determinazione del prezzo dei mutui).

Nel frattempo, secondo quanto riferito, la PBoC ha iniettato miliardi di yuan attraverso prestiti a medio termine nel sistema finanziario all’inizio di questa settimana.

Sul fronte valutario, lo yuan è stato scambiato intorno a 6,50 per dollari (USDCNY), sul minimo di 3 settimane, dopo aver perso quota a seguito degli ultimi dati che hanno mostrato segnali di rallentamento dell’economia cinese. Sia la produzione industriale che le vendite al dettaglio sono cresciute meno del previsto a luglio.

La valuta cinese si avvia a chiudere la peggiore settimana degli ultimi due mesi, anche e soprattutto per la contemporanea vigoria del dollaro USD.

Inoltre, gli investitori stanno ripensando ai loro investimenti in Cina dopo un inaspettato giro di vite sulla tecnologia e sulle società di tutoraggio privato.
Tuttavia, lo yuan rimane non lontano dal massimo di 3 anni di 6,36 raggiunto a fine maggio, poiché la Cina si è ripresa dalla pandemia molto prima di altri paesi.

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

IN EVIDENZA