Home
Borsa Milano Piazza Affari

L’effetto BCE penalizza ancora le Borse. Milano -1,79%

Scritto da -

Tra i listini europei va ancora malissimo Francoforte, che crolla dell’1,75%. Londra mostra -0,17%, vendite su Parigi a -0,77%

Giornata negativa per gli Eurolistini, che scontano i toni più hawkish della BCE che ha aperto a un rialzo dei tassi nel 2022, a differenza di quanto indicato nei mesi passati.
A Milano, forte calo del che a fine seduta segna -1,79%, toccando 26.604 punti.

L’unico comparto che corre è quello dei petroliferi, grazie al greggio che è arrivato ai massimi in sette anni. Tra i best performers in evidenza Tenaris (+2,01%) e ENI (+1,44%). Continua la serie di ribassi Saipem (-3,2%), che in giornata ha rivelato la nuova struttura organizzativa.
Seduta da dimenticare per Poste Italiane (-6,24%), penalizzata dalla prospettiva di un rialzo dei tassi e dalle operazioni legate al Superbonus.

In Europa le vendite hanno affossato il settore auto, con il sottoindice sceso di oltre il 3%. Stellantis cala del 5,25%.
Vendite su CNH Industrial, che registra un ribasso del 3,48%.
Intesa Sanpaolo ha perso il 2,2%, nel giorno della diffusione dei conti e del piano industriale.

Tra i listini europei va ancora malissimo Francoforte, dove il crolla dell’1,75%. Londra mostra -0,17%, vendite su Parigi a -0,77%.

Wall Street chiude a tinte miste. Lo segna +0,52%, il -0,06% mentre il +1,58%.

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

IN EVIDENZA