Home
borsa trading

L’Europa delle borse si risolleva. Milano corre a +1,51%

Scritto da -

Tra le blue chip c’è Stellantis, +3,8%, che sale assieme a tutto il settore auto in Europa

Le borse Europee si rialzano con vigore, grazie alla tregua concessa dai prezzi del petrolio e dell’energia. Sostengono i listini anche le prospettive di un compromesso a Washington per scongiurare il rischio di default degli Stati Uniti.
Avanza bene Piazza Affari. Il Ftse Mib ha chiuso con +1,51% a un passo da quota 26 mila (25.992 punti).

Tra le blue chip spicca Stellantis, +3,8%, che sale assieme a tutto il settore auto in Europa. Tra i migliori anche Buzzi Unicem (+2,95%), Exor (+2,81%) e Interpump (+2,65%).

Spicca anche Enel +2,6%, grazie alla sponda giunta dalla dalla Spagna dove il Ministero della Transizione Ecologica si è attivato per cambiare il meccanismo che riduce le entrate ricevute dai produttori di energia idroelettrica, nucleare e alcune rinnovabili in relazione ai prezzi del gas.

Si segnala anche Prysmian, +2%, dopo l’annuncio di investimenti da 100 mln di dollari negli Usa per potenziare capacità produzione cavi energia.
Tra le banche rialzo dell’1,41% per Intesa Sanpaolo.
Calno invece i titoli oil, complice il ritracciamento del petrolio. Saipem infatti è la peggiore con -1,52%. Attenua la caduta ENI (-0,67%).

Anche nel resto d’Europa si scatenano gli acquisti. Exploit del di Francoforte, in rialzo dell’1,85%. Londra sale dell’1,17% e giri Parigi di 1,65%.
Wall Street chiude in rialzo, sebbene perda parte dei guadagni strada facendo. Lo segna +0,83%, il 0,98% mentre il 1,05%.

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

IN EVIDENZA