Home
Borsa Milano Piazza Affari

Borse Europee in frenata sui nuovi timori Evergrande. Milano -0,4%

Scritto da -

Il Dax40 di Francoforte ha chiuso in calo dello 0,72% prima delle elezioni politiche in programma nel week end

Dopo tre giorni di rialzi, le Borse europee mordono il freno sulle rinnovate preoccupazioni per l’esito del crack Evergrande, che non ha pagato le cedole sui bond. A questo si aggiunge l’Ifo tedesco deludente e la stretta della Banca centrale di Pechino sulle criptovalute. Tutti fattori che hanno intimidito gli investitori prima del weekend.

Piazza Affari ha limitato la contrazione allo 0,43% nel paniere del . Si chiudono gli scambi a 25.968,84 punti.

In cima alla classifica dei titoli ci sono alcuni finanziari e l’auto. Svetta BPER (+2,49%), gli analisti che si aspettano maggiori risparmi del previsto dal piano di ricambio generazionale nel personale. Poi Generali Assicurazioni (+1,13%), Saipem (+0,97%) e Pirelli (+0,92%), a galla anche Stellantis (+0,1%).
Bene anche Mediobanca (+0,25%) dopo che Piazzetta Cuccia si è rafforzata nel capitale di Trieste in vista della prossima assemblea.
Vendite sulle società delle infrastrutture energetiche (Terna, Snam e Italgas) e del comparto sanitario (Diasorin e Amplifon).

Nel resto d’Europa, il di Francoforte ha chiuso in calo dello 0,72% prima delle elezioni politiche in programma nel week end, che segnano la fine dell’era Merkel, iniziata nel novembre 2005. Piccola perdita per Londra, -0,38%, negativa invece Parigi, -0,95%.
Wall Street intanto chiude timida. Lo segna +0,15%, il +0,10% mentre il -0,03%.

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

IN EVIDENZA