Home
Petrolio

Il PETROLIO si rialza dopo una settimana shock

Scritto da -

Le ricoperture sul dollaro – che comincia fiaccamente la settimana – e le notizie del blocco dei contagi Covid in Cina sono l’innesco per il rimbalzo dell’oro nero

Si riaffaccia un po’ di appetito al rischio sui mercati, e il petrolio rimbalza dopo una settimana shock, vissuta costantemente al ribasso e chiusa con una perdita quasi del 10%  (il maggiore sell-off settimanale dall’ottobre 2020).

A dare la spinta al e al sono anzitutto le ricoperture sul dollaro – che comincia fiaccamente la settimana – e le notizie del blocco dei contagi Covid in Cina sono l’innesco per il rimbalzo dell’oro nero.

Nonostante questo, rimane comunque sullo sfondo la paura della variante Delta e delle conseguenze che può avere sull’economia.
Proprio questo timore è alla base del cambio di rotta del presidente della FED Dallas, il solitamente aggressivo Kaplan, che ha affermato che potrebbe modificare la sua opinione vista l’incertezza intorno alla variante Delta del Covid-19.

Grazie a guadagni anche i 5 punti percentuale, il texano risale verso 65 dollari al barile, mentre il avanza a 68 dollari.

Questa settimana il focus del mercato sarà su Jackson Hole, col mercato che è ansioso di cogliere qualche segnale su quando la Fed inizierà a ridurre il suo programma di acquisto di asset.
Ma i mercati attendono anche il prossimo meeting dell’Opec+, che ci sarà settimana prossima, per decidere il da farsi, dopo il rinvio della riunione di luglio.
Il recente calo del  barile potrebbe innescare nuovi scenari e rallentare il piano di aumento progressivo delle quote.

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

IN EVIDENZA