Home
Sterlina Gran Bretagna GBP

Sterlina fiacca dopo l’annuncio BoE e i dati macro

Scritto da -

L’economia britannica è del 3,1% al di sotto dei livelli visti nell’ottobre 2020, il picco della ripresa iniziale

Nonostante la fase di debolezza del dollaro, la sterlina resta sui minimi di due mesi rispetto al biglietto verde (toccati settimana scorsa a 1,367).
Ad appesantire la marcia della valuta britannica è l’annuncio della Banca d’Inghilterra che il suo capo economista, Andy Haldane, lascerà la banca centrale dopo la riunione di giugno. Haldane è stato visto come il membro più aggressivo del MPC, e i mercati credono che potrebbe essere sostituito da un politico accomodante.

Il cambio così scende verso $ 1,37 martedì pomeriggio.
Più marcato al perdita di terreno rispetto all’euro: il cambio sale a 0.868.

Nel frattempo, i dati macro evidenziano che il PIL del Regno Unito è aumentato dello 0,4% a febbraio (al di sotto del consenso dello 0,6%), a causa degli effetti delle restrizioni per affrontare il coronavirus. L’economia britannica è del 3,1% al di sotto dei livelli visti nell’ottobre 2020, il picco della ripresa iniziale, e del 7,8% al di sotto dei livelli pre-crisi.
Il Paese è entrato nella ‘fase due’ del blocco lunedì, con la riapertura di negozi, palestre e gallerie d’arte.

Novità potenzialmente importanti arrivano anche dal fronte politico. Il mese prossimo si terranno le elezioni locali e regionali in Scozia, e il primo ministro scozzese Sturgeon ha affermato che il primo ministro Boris Johnson non si opporrà a un secondo referendum sull’indipendenza, se il partito nazionale scozzese otterrà la maggioranza.

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

IN EVIDENZA