Home
etf

LITIO sempre più richiesto. L’ETF LIT può riprendere la spinta al rialzo

Scritto da -

Il Global X Lithium & Battery Tech è aumentato di oltre il 40% quest’anno, ed è lecito aspettarsi un 2022 ancora brioso

Per il settore dei metalli industriali il 2021 è stato un anno frizzante. La ripresa economica ha innescato una crescita della domanda, che potrebbe aumentare ancora grazie al piano infrastrutturale da $ 1,2 trilioni del presidente Biden.
Non c’è quindi da stupirsi che i metalli industriali siano aumentati vertiginosamente.

Se chi ha già investito negli ETFs sul tema hanno fatto un buon affare, bisogna chiedersi se e quali metalli hanno il potenziale per aumentare anche nel 2022.
In tale ottica, è interessante il caso del Litio, e del Global X Lithium & Battery Tech ETF (LIT), negoziabile con il broker .

Il è un fondo che prova a riprodurre l’andamento dell’indice Solactive Global Lithium, investendo in società che si occupano di metalli, materie prime ed estrazione mineraria.
Nel corso del 2021 è aumentato di oltre il 40%, ed è lecito aspettarsi un 2022 ancora brioso.

La maggiore domanda proveniente da settori come i veicoli elettrici e gli smartphone, in buona parte non è ancora soddisfatta dall’offerta.
Infatti le batterie agli ioni di litio per veicoli elettrici e sistemi di accumulo di energia continuano ad essere caratterizzati da una forte domanda, visto che il mondo si allontana dai combustibili fossili.
Ma le forniture per uso industriale non sono in grado di soddisfare questa forte richiesta.
Questo deficit crea pressione sui prezzi.

Da marzo 2021 il ha imboccato la via di un deciso trend ascendente, che ha spinto il prezzo fino alle soglie dei 97 dollari. Dopo una breve fase di congestione, ha invertito la rotta come vediamo sul broker .

img

Il taglio al ribasso della Ema50 ha confermato il segnale ribassista nel breve periodo. Tuttavia, la marcia in discesa del prezzo ha incontrato un supporto valido nel ritracciamento 36.2 Fibonacci (livello 84,60).
Il rimbalzo in corso adesso potrebbe spingere il prezzo verso 86,94, dove c’è un successivo livello di resistenza statica. In caso di superamento, potrebbe ritornare all’assalto alla EMA50 (90,23).
Al ribasso invece occorre tenere d’occhio il supporto statico a 78,9.

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

IN EVIDENZA