Home
etf

Il Dividend ETF DVY può essere una mossa giusta di fronte alla minaccia Omicron

Scritto da -

La EMA200 ha svolto il suo ruolo di “forza attrattiva”, richiamando il prezzo al rimbalzo verso quota 117

Da un po’ di tempo l’umore a Wall Street è molto teso. La settimana iniziale di dicembre si è chiusa con i tre indici principali tutti in calo (tra 0,4% e 0,7%).

A instillare timore tra gli operatori è la variante Omicron del Covid, che ha fatto ufficialmente la sua comparsa negli Stati Uniti. Le incertezze che avvolgono ancora questa variante, si riflettono sulle prospettive della ripresa economica.
La rallenterà? E quanto?
Nel frattempo l’annuncio del capo della FED Jerome Powell riguardo l’accelerata del tapering, ha penalizzato ulteriormente il sentiment di mercato.

Cresce l’appeal dei Dividend ETF

Considerata la complessità dello scenario attuale del mercato, le aree ETF che possono risultare interessanti riguardano i dividendi.

In questo senso ci si rivolge soprattutto alle Dividend aristocrats“, ossia quelle blue-chip che hanno aumentato i loro dividendi di anno in anno per almeno 20 anni consecutivi.
Queste società sono considerate un ​​modo intelligente per affrontare turbolenze di mercato, anche perché allo stesso tempo rafforzano il portafoglio (grazie a una maggiore probabilità di rivalutazione del capitale).

L’indice Dow Jones Select Dividend – composto dai 100 titoli azionari con rendimenti da dividendo fra i più elevati – è la base per l’, che mira a replicare le performance dell’indice Dow Jones Select Dividend.

Quadro tecnico DVY

Dopo un lungo trend ascendente che ha condotto il DVY al record di 122 a maggio scorso, il prezzo ha imboccato la lunga strada del movimento in range, come vediamo sul broker .

img

Il prezzo del sta oscillando nell’ampia fascia 114-120 da diversi mesi.
Il recente attraversamento della EMA200 sembrava il preludio all’uscita dal lato basso del canale. Ma proprio la EMA200 ha svolto il suo ruolo di “forza attrattiva”, richiamando il prezzo al rimbalzo verso quota 117.
Il prezzo si trova così imbrigliato tra le due medie mobili (50e200), e se dovesse superare questo scoglio potrebbe darsi quello slancio per andare ad attaccare il limite superiore del range.

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

IN EVIDENZA