Home
dollaro-nuova-zelanda-4.jpg

NeoZelanda, tassi invariati all'1,75%. Il cross Nzd-Usd ai minimi mensili

Scritto da -

La necessità della RBNZ è avere un "dollro kiwi" (NZD) più debole per sostenere l'inflazione e favorire una crescita più equilibrata
La Nuova Zelanda si dà un'impronta dovish, oltre a conservare immutato il costo del denaro. Ieri sera la RBNZ ha infatti deciso di lasciare il tasso di interesse all'1,75%, come previsto dagli analisti.
Interessante però è il fulcro dei commenti a corredo di questa scelta. La necessità anzitutto di avere un "dollro kiwi" (NZD) più debole per sostenere l'inflazione e favorire una crescita più equilibrata (le stime sul CPI sono rimaste immutate); in secondo luogo la conferma che la politica monetaria rimarrà accomodante per un periodo considerevole.



Il governatore Grant Spencer ha sottolineato inoltre che restano numerose incertezze sul futuro dell'economia globale, e questo potrebbe spingere la RBNZ in futuro ad adeguarsi di conseguenza.
Va sottolineata infine la preoccupazione della RBNZ circa una ripresa dei prezzi delle case (che sono stati molto più deboli rispetto alla precedente previsione), nonché lo stallo che si registra nel settore delle costruzioni.

Dopo la decisione della RBNZ, il dollaro kiwi è andato in discesa contro il collega americano. Il cross - che qualche giorno fa aveva toccato i massimi mensili a 0,7389 - è scivolato sotto quota 0,72 in prossimità invece dei minimi di settembre (fonte grafica broker ).

img


Vedi tutte le news su:




  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi il primo e l'ultimo numero
U 2 p 2 R 5
Trading strategies

Ultime notizie
euro-dollaro.jpg
Occhio all'ormai prossima riunione della BCE, che si è impegnata a ricalibrare la sua politica monetaria
borsa-piazza-affari-1.jpg
Risultato positivo a Piazza Affari per i settori tecnologia (+1,96%), telecomunicazioni (+1,86%) e sanitario (+1,79%)
borsa-piazza-affari-6.jpg
Buona la performance a Milano dei comparti telecomunicazioni (+2,47%), tecnologia (+1,66%) e sanitario (+1,04%)

IN EVIDENZA
trading-broker.jpg
Cerchi i migliori siti di trading online autorizzati? Ecco un confronto tra le proposte dei broker per accedere ai mercati finanziari
segnali-forex-gratuiti-affidabili.jpg
Quali broker offrono segnali trading forex affidabili e gratuiti? Fino a che punto si può considerarli segnali sicuri e come utilizzarli
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
opzioni-binarie-divieto.jpg
Aggiornata a OTTOBRE 2020. Evitate le fregature: l'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market