envelopes.jpg

Envelopes e bande di oscillazione, gli indicatori più utilizzati per fare trading online

Scritto da -

Un indicatore prezioso che ci consente di descrivere livelli di supporto e resistenza dinamici per prevedere l'andamento futuro dei prezzi

Quando parliamo di envelopes e bande di oscillazione sostanzialmente parliamo dello stesso concetto, ovvero di indicatori che generano una fascia delimitata da una banda superiore e una inferiore. A seconda di come si muovono i prezzi rispetto a queste bande, riceviamo dei segnali di trading.
Questo strumento ha una enorme affinità con le Bande di Bollinger o le bande di Donchian, e come in questi altri due casi il suo utilizzo è meglio che non avvenga mai in modo esclusivo, ma ha maggiore efficacia se utilizzato in congiunzione insieme ad altri altri indicatori.


Le bande di oscillazione in generale


Come detto, bande di oscillazione e envelopes sono essenzialmente due modi diversi di riferirsi allo stesso concetto.
Il loro scopo principale è definire i margini superiore ed inferiore del range di oscillazione (non a caso "envelopes" significa involucro) in modo tale da prevedere i movimenti futuri osservando il comportamento dei prezzi in relazione alle due bande.


La costruzione delle bande si fa a partire da 2 medie mobili che vengono riferite generalmente a 20 periodi (molti usano 26 periodi).
Alla prima viene applicata una deviazione in aumento, alla seconda una deviazione in diminuzione. Occhio perché l'ammontare della deviazione è determinante per l'efficacia di questo indicatore.
La scelta va fatta in base all'asset e anche al timeframe usato (più quest'ultimo è basso, minore dovrà essere la deviazione).


Una volta che abbiamo settato i nostri parametri, otteniamo due linee oscillanti che rappresentano la banda superiore e quella inferiore.
Di solito sul grafico si traccia anche una terza linea, quella della media semplice che formerà una terza linea che si posiziona centralmente.


Vediamo un esempio concreto sulla piattaforma , una di quelle con gli spread più bassi in assoluto (in coda trovi una tabella che lo evidenzia).
bande-oscillazione-1.jpg


Adesso vediamo le envelopes


Le envelopes sono una delle varie forme in cui possono essere calcolate le bande di oscillazione. Tutto dipende dal modo in cui viene calcolata la deviazione.
Vediamo la formula per le envelopes.
A) banda superiore = media mobile semplice (chiusura, N) * [1 + K/1000].
B) banda inferiore = media mobile semplice (chiusura, N) * [1 - K/1000];
...dove N indica il numero di periodi presi in considerazione mentre K è il fattore chiave per il calcolo della deviazione.


Come abbiamo detto poco sopra, la cosa che caratterizza le envelopes è il calcolo della deviazione.
Dal punto di vista matematico la deviazione è K/1000, dove K (espresso in punti base) è un valore che va attribuito in relazione alla volatilità del nostro asset (più è alta la volatilità del mercato, più il valore di K deve essere alto per adattarsi meglio al movimento dei prezzi).
Come abbiamo detto poco sopra, fate diverse prove su ogni asset che negoziate in modo da vedere quale deviazione è quella che "aderisce" meglio alla specifica situazione in cui siete.



Come si usando le envelopes


Il principio che sottende all'utilizzo delle envelopes è lo stesso delle Bande di Bollinger. Il nostro interesse si concentra cioè soprattutto nei momenti in cui i prezzi si avvicinano ai livelli estremi della banda di oscillazione, sia che si tratti di margini superiori o anche di soli margini inferiori.


Le bande dell'indicatore envelopes si comportano come supporti e resistenze. Si vengono cioè a generare dei segnali in prossimità delle banda inferiore e superiori.
Più precisamente si crea un segnale a vendere quando il prezzo tocca la banda superiore, si crea un segnale e comprare quando il prezzo colpisce la linea inferiore.
Questo vale in linea teorica, ma occorre fare delle precisazioni che adesso vediamo nel paragrafo dedicato alle nostre conclusioni...



Conclusioni


Abbiamo detto e ribadiamo che questo indicatore, così come tutta la sua "famiglia" (Bollinger, Dunchian, ecc) andrebbe utilizzato sempre congiuntamente ad altri strumenti. Il motivo è che questo mezzo di analisi presenta dei limiti.
Ad esempio dipende dal valore che viene dato alla variabile K, che va adattato a seconda della volatilità del mercato, ovvero dei momenti improvvisi di accelerazione dei prezzi rispetto alle fasi laterali o di congestione del mercato.


Un suggerimento utile è limitare l'utilizzo di questo indicatore a time frame di breve durata, con frequenti oscillazioni dei prezzi. Ciò lo renderà molto più efficace.
E ricordate di usarlo con altri strumenti, non da solo.
Buon trading!





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo i numeri
q 8 K 7 R 1
Strategie

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
trading-broker.jpg
Cerchi i migliori siti di trading online autorizzati? Ecco un confronto tra le proposte dei broker per accedere ai mercati finanziari
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
segnali-forex-gratuiti-affidabili.jpg
Quali broker offrono segnali trading forex affidabili e gratuiti? Fino a che punto si può considerarli segnali sicuri e come utilizzarli
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader