Home
rublo-russia.jpg

Il petrolio spinge il rublo russo. Il cross USD/RUB scende sotto quota 61

Scritto da -

Gli scenari potrebbero nuovamente essere scossi dalla ormai prossima mossa della Federal Reserve, che si accinge ad alzare il costo del denaro
La situazione del mercato petrolifero, con l'accordo prima tra i paesi Opec e poi tra quelli non Opec per la riduzione della produzione globale, fa sentire i suoi effetti sui mercati valutari. Le divise correlate all'oro nero sono infatti andate a gonfie vele nel Forex.

Un discorso che vale soprattutto per il rublo russo, che oggi è schizzato nei confronti del dollaro, raggiungendo valore che non si erano mai visti nel 2016.
Il cambio è infatti sceso sotto i 61 dopo che l'accordo dei paesi non-OPEC ha fatto nuovamente salire la quotazione del petrolio oltre i 54 dollari al barile. Per tornare a vedere un rapporto di cambio simile tra il biglietto verde e la moneta di Mosca, occorre ritornare a ottobre dello scorso anno.

Dopo un periodo di forte rialzo da parte del dollaro, a seguito dell'elezione di Donald Trump alla Casa bianca, adesso c'è quindi una inversione nel cambio USDRUB. Un rovesciamento di prospettiva che dura da circa un mese, e che ha prodotto un calo del cross del 7,61% negli ultimi 30 giorni (il mese scorso la coppia veniva scambiata a 66,7).

Attenzione perché gli scenari potrebbero nuovamente essere scossi dalla ormai prossima mossa della Federal Reserve, che si accinge ad alzare il costo del denaro.
Il rialzo dei tassi Fed potrebbe infatti incidere tanto sul corso che sta avendo il petrolio, quanto sul sussulto del rublo.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: fai la somma dei numeri
9 r e 4 x 6
Trading strategies

confronto-reali-forex.jpg
Ultime notizie
borsa-piazza-affari-2.jpg
Fari puntati sul mercato azionario USA dove è partita la stagione delle trimestrali
dollaro-australia-4.jpg
La coppia si sta agitando attorno alla media mobile 200 e soprattutto sta testando il lato superiore del triangolo in formazione da giugno
euro-2.jpg
Il dollaro Usa è appesantito dall'attesa di dati macro e delle trimestrali, che daranno indizi sulla solidità della ripresa economica

IN EVIDENZA
trading-broker.jpg
Cerchi i migliori siti di trading online autorizzati? Ecco un confronto tra le proposte dei broker per accedere ai mercati finanziari
segnali-forex-gratuiti-affidabili.jpg
Quali broker offrono segnali trading forex affidabili e gratuiti? Fino a che punto si può considerarli segnali sicuri e come utilizzarli
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
opzioni-binarie-divieto.jpg
Aggiornata a giugno 2020. Evitate le fregature: l'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market