sterlina.jpg

Dati macro positivi dalla CBI, ma la sterlina rifiata dopo i guadagni degli ultimi giorni

Scritto da -

L'euro riprende lo 0,60% circa di quanto perso ieri dopo essere giunto ai minimi di due mesi. Cala il cross Gbp-Usd
La sterlina britannica innesta la retromarcia dopo i buoni guadagni degli ultimi giorni. A spingerla ieri era stato l'annuncio del primo ministro Theresa May, che ha promesso di ridurre le imposte a carico delle società fin sotto il 15%. Ne era scaturito un immediato apprezzamento della valuta britannica, che nei confronti dell'Euro (EurGbp) ha toccato il livello minimo da metà settembre.

Questa mattina la Confederation of British Industry (CBI) ha annunciato che a novembre l'indice relativo agli ordini industriali è risultato pari a -3 punti rispetto al -17 del mese precedente. Un dato migliore rispetto alle attese degli analisti (-9 punti).

Questo dato comunque non ha impedito un assestamento fisiologico dopo i guadagni di ieri. La Moneta Unica riprende lo 0,60% circa di quanto perso ieri, più o meno lo stesso che fanno sia dollaro (Usd) che Yen giapponese (Jpy). L'euro era arrivato ai minimi di due mesi a 0,852, dopo i livelli tenuti a inizio novembre sopra quota 0,89.
Ad ogni modo resta comunque proficuo il mese per la sterlina, che guadagna discretamente nei confronti di tutte le principali valute del paniere (specialmente lo Yen, +8,49%).

L'attenzione degli investitori riguarda però chiaramente il futuro del rapporto tra Ue e Regno Unito. Il negoziato per dare contenuto concreto alla Brexit verrà avviato soltanto una volta che il Regno Unito avrà notificato la propria volontà di recedere dall'Unione europea ai sensi dell'art. 50 del Trattato. Il che dovrebbe avvenire entro marzo 2017.




  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: fai la somma dei numeri
4 r 7 Z 9 w
Strategie

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
trading-broker.jpg
Cerchi i migliori siti di trading online autorizzati? Ecco un confronto tra le proposte dei broker per accedere ai mercati finanziari
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
segnali-forex-gratuiti-affidabili.jpg
Quali broker offrono segnali trading forex affidabili e gratuiti? Fino a che punto si può considerarli segnali sicuri e come utilizzarli
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader