Home

ORO in picchiata sui minimi di 8 mesi. Febbraio mese peggiore da novembre 2016

Scritto da -

A penalizzare il gold metal è l’impennata dei rendimenti a lungo termine, che ha indotto gli investitori ad allontanarsi dal safe haven

L’oro ha esteso le perdite scivolando a un minimo di 8 mesi, sotto il livello di 1.730 dollari l’oncia. Per il metallo prezioso si chiude un febbraio molto negativo, con una discesa di circa il 6%.Per l’ si tratta del mese peggiore da novembre 2016, nonché del secondo mese consecutivo in discesa.

A penalizzare l’ è l’impennata dei rendimenti a lungo termine, che ha indotto gli investitori ad allontanarsi dal safe haven, diventato meno attraente perché non offre interesse.

Le aspettative di una robusta ripresa economica alimentata dall’introduzione dei vaccini e da una maggiore spesa pubblica hanno innescato timori di inflazione che, a loro volta, hanno spinto i rendimenti del Tesoro degli Stati Uniti a livelli mai visti in oltre un anno.
La situazione non è cambiata neppure dopo che il presidente della Federal Reserve Jay Powell – nel suo rapporto semestrale al Congresso – ha minimizzato la minaccia di un aumento dei prezzi.

Dal punto di vista tecnico, l’indice di forza relativa (RSI) sul grafico giornaliero dell’ è ancora al di sopra di 30, quindi al di fuori delle condizioni di ipervenduto. Questo rende possibile un’ulteriore caduta.

Sarà interessante quindi monitorare il supporto a quota 1.712, e più in basso si trova quello a $ 1.687. Al rialzo invece il primo livello di resistenza interessante è sui 1.741.

Non è possibile commentare questo post.

IN EVIDENZA