Home

Borsa: l’effetto vaccino si sente ancora (ma meno). Milano chiude a +0,68%

Scritto da -

In luce a Milano i comparti immobiliare (+3,13%), vendite al dettaglio (+2,76%) e beni per la casa (+2,69%)

Si sente ancora l’effetto vaccino sulle Borse europee, che realizzano anche oggi dei rialzi generalizzati e sono tornate ai livelli pre-lockdown. Tuttavia, meno marcati rispetto al boom di lunedì scorso.
E’ la speranza della ripresa che guida gli investitori, che però dopo l’euforia di inizio settimana tornano a confrontarsi con i dati pesantissimi sui contagi.

Milano avanza

Il di Milano ha guadagnato lo 0,68%, e dopo aver rivisto durante la seduta i 21.000 punti, ha chiuso a a 20.993 punti.
In luce a Milano i comparti immobiliare (+3,13%), vendite al dettaglio (+2,76%) e beni per la casa (+2,69%). Male chimico (-2,20%), costruzioni (-0,70%) e petrolio (-0,67%).

Per quanto riguarda i titoli, la migliore è stata Diasorin (+3,86%), che nei primi nove mesi dell’anno ha visto salire utile e fatturato. Brillano anche Inwit (+2,99%) e Cnh Industrial (+2,75%), premiata da Bofa Securities, che ha alzato il rating da ‘neutral’ a ‘buy’.
A Piazza Affari pioggia di vendite su Atlantia (-3,13%), nel giorno in cui è emerso che sono scattate restrizioni cautelari per alcuni manager ed ex manager, tra i quali l’ex ad Castellucci.

Anche il resto delle Borse europee chiude in rialzo: Parigi +0,48%, Francoforte +0,40%, Londra +1,35% e Madrid +1,07%.
Gli indici di Wall Street intanto chiudono a tinte alterne. Lo avanza di 0.77%, il segna -0.08% mentre il guadagna 2.01%.

Non è possibile commentare questo post.

IN EVIDENZA