Home
borsa-piazza-affari-6.jpg

Petrolio e Nasdaq affondano le Borse. Il FTSE Mib cede 1,81%

Scritto da -

Unicredit chiude a -3,72. Pesanti perdite per materie prime (-3,39%), tecnologia (-2,97%) e petrolio (-2,80%)
La nuova discesa del Nasdaq (col timore dello scoppio di una bolla high-tech) e il tonfo del petrolio mettono il freno ai listini europei, zavorrati anche dai timori per la ripresa economica che non decolla.
Tutto questo in un clima reso già nervoso dalle frizioni tra Londra e Bruxelles riguardo Brexit.

Piazza Affari chiude la seduta con il in ribasso dell'1,81%, e termina gli scambi a 19.380,18 punti.
A Milano avanzano i comparti vendite al dettaglio (+1,55%) e media (+0,72%), pesanti perdite per materie prime (-3,39%), tecnologia (-2,97%) e petrolio (-2,80%).

Per quanto i singoli titoli, brilla Pirelli che sale del 3,70% (gli analisti di Citi promuovono il titolo a "buy" e confidano in una ripresa a stretto giro del mercato dell'auto).
A zavorrare l'indice milanese Tenaris (-3,4%) che paga la debolezza del petrolio. Forti vendite su Unicredit, che chiude a -3,72% pagando l'attesa dellla riunione Bce di giovedì prossimo (come tutte le altre banche). Crolla anche STMicroelectronics, con una flessione del 3,44%. In rosso ENI, che evidenzia un deciso ribasso del 3,27%.


Le altre Borse


Per quanto riguarda gli altri listini europei, il di Francoforte chiude in ribasso dell'1,01%. Madrid perde l'1,78% mentre Parigi segna -1,59%. Resta vicino alla parità Londra (-0,12%).
A Wall Street - che chiude nettamente in negativo - si assiste a una pioggia di vendite su Tesla in seguito alla decisione della Borsa Usa di non inserirla nell'indice S&P 500. Al suono della campanella lo cede 2,78%, il fa -2,25% mentre il segna -4,11%.

Vedi tutte le news su:




  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo le lettere (case sensitive)
6 Z 4 v 1 n
Trading strategies

Ultime notizie
dollaro-4.jpg
In settimana sono attesi diversi interventi di alcuni esponenti della Federal Reserve, Jerome Powell in primis
oro-petrolio.jpg
La paura di nuove misure di lockdown e delle conseguenze sulla ripresa economica penalizza tutto il settore
borsa-piazza-affari-1.jpg
Segni rossi in tutta Europa. il DAX30 di Francoforte precipita del 4,37% (Deutsche Bank è la banca più coinvolta nello scandalo)

IN EVIDENZA
trading-broker.jpg
Cerchi i migliori siti di trading online autorizzati? Ecco un confronto tra le proposte dei broker per accedere ai mercati finanziari
segnali-forex-gratuiti-affidabili.jpg
Quali broker offrono segnali trading forex affidabili e gratuiti? Fino a che punto si può considerarli segnali sicuri e come utilizzarli
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
opzioni-binarie-divieto.jpg
Aggiornata a giugno 2020. Evitate le fregature: l'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market