Home

Tech ancora sulla cresta dell’onda, un assist per chi punta sull’etf QQQ

Scritto da -

Gli investitori in ETF che cercano di cavalcare il Nasdaq, potrebbero prendere in considerazione l'Invesco QQQ ETF

Gli investitori continuano a rimanere sulle spine, con l’entusiasmo che si blocca di fronte all’aumento dei casi di Covid negli Stati Uniti e ai colloqui sui piani di stimolo all’economia. Intanto però, la resilienza delle principali aziende tecnologiche alla crisi sta supportando l’indice tecnologico, che continua a marciare a passo da record.
Del resto i rilasci degli utili delle principali società tecnologiche sono stati forti durante il periodo di pandemia.
In questo scenario, anche gli ETFs vanno presi in serie considerazione per cavalcare l’onda.

Va ricordato che l’aumento del lavoro da casa e dello shopping online, l’aumento dei pagamenti digitali, lo streaming video in crescita e le crescenti vendite di videogiochi, stanno lentamente diventando la “nuova normalità”.
Per questo motivo si prevede che i maggiori titoli tecnologici continueranno a guadagnare sulla crescente domanda dei loro prodotti e servizi. Come ne beneficeranno anche le aziende di servizi di cloud computing e l’industria dei semiconduttori.

Un ETF da monitorare

Gli investitori in ETF che cercano di cavalcare il Nasdaq, potrebbero prendere in considerazione l’, che offre esposizione alle maggiori società non finanziarie nazionali e internazionali quotate al Nasdaq, replicando l’indice Nasdaq-100.
L’ è uno degli ETF più grandi e popolari nel settore delle grandi capitalizzazioni, con un patrimonio gestito di 126,84 miliardi di dollari e un volume medio giornaliero di circa 54,7 milioni di azioni.

img

L’ ha guadagnato oltre il 27% quest’anno, e arriviamo al 48% negli ultimi 12 mesi.
Anche se le metriche tradizionali “raccontano” di valutazioni eccessive, la solida crescita degli utili di QQQ e il valore relativo alle obbligazioni hanno compensato questi eccessi.

La convinzione che la marcia dell’ possa continuare è propria anche degli analisti di Goldman Sachs, secondo i quali “le azioni Tech continueranno a sovraperformare nel prossimo decennio, e le valutazioni attuali non sono eccessivamente ricche”.

Non è possibile commentare questo post.

IN EVIDENZA