Home

Mercati nuovamente in posizione “ON” sul rischio. L’EUR-USD si riavvicina a 1,14

Scritto da -

Il dollaro Usa è appesantito dall'attesa di dati macro e delle trimestrali, che daranno indizi sulla solidità della ripresa economica

Nonostante l’aumento dei casi di coronavirus, sembra prevalere la fiducia nei mercati. Il clima di appetito al rischio torna in posizione “ON” e l’euro riprende nuovamente quota, non soltanto nei confronti del dollaro ().

Gli investitori sono tornati verso asset più rischiosi, convinti che le conseguenze più acute della crisi da pandemia siano ormai state superate. Adesso si scommette su una ripresa più o meno rapida, anche in relazione alle novità in arrivo dal fronte vaccino.
Il dollaro Usa invece è appesantito dall’attesa di dati macro e delle trimestrali, in base alle quali ponderare tempi e modi della possibile ripresa (La settimana scorsa il ha lasciato sul terreno circa mezzo punto percentuale).

Il cambio si riporta oltre quota 1,13, ed anzi si avvicina nuovamente minaccioso alla soglia di 1,14.
Ma l’euro mantiene i guadagni su tutta la linea, scambiando ai massimi di più giorni contro la sterlina e lo yen. Il cambio sale a 0,8991, l’ sembra pronto a testare 122,00, probabilmente per raggiungere i massimi di un mese.

Sulla valuta unica incombe però il summit Ue del 17-18 luglio, che vedrà i leader della Eurozona cercare di arrivare a un punto di vista comune sul budget e sul Recovery fund. Venerdì il presidente del Consiglio europeo Michel ha presentato la proposta che prevede una soluzione di compromesso.
Fari puntati anche sulla decisione di politica monetaria della Banca centrale europea, che si pronuncerà mercoledì.

Non è possibile commentare questo post.

IN EVIDENZA