Home
fed-2.jpg

FED, divisione interna sui tagli fatti a marzo. C'è chi avrebbe voluto una manovra più morbida

Scritto da -

Il 15 marzo alcuni membri del Fomc avrebbero preferito un taglio del tasso di interesse più ridotto rispetto ai 100 punti base
Sono stati tutti d'accordo sulla necessità di effettuare un taglio al costo del denaro, meno d'accordo invece sull'entità della sforbiciata fatta a metà marzo (la seconda del mese, quella da 100 punti base). E' quanto emerge dalle minute FED rese note nella serata di mercoledì.

I verbali delle riunioni di emergenza di politica monetaria USA, evidenziano che in occasione dei tagli al costo del denaro, alcuni membri del Fomc avrebbero preferito un taglio del tasso di interesse più ridotto dei 100 punti base che sono stati effettuati, anzitutto perché sono ancora incerti gli effettivi danni che il covid-19 provocherà, in secondo luogo perché un taglio così netto avrebbe mandato un segnale meno negativo sulle prospettive economiche. Infine, una sforbiciata di minore entità avrebbe consentito alla FED di mantenere ancora spazio di manovra nelle settimane a seguire.

Ciò nonostante, la Fed alla fine ha votato per ridurre i tassi di 100 punti base in un intervallo compreso tra 0-0,25%, indicando il probabile declino a breve termine dell'attività economica e il grado estremamente elevato di incertezza sulla lunghezza e la gravità del declino.

Il verbale della FED ha ribadito il concetto secondo cui sarebbe opportuno mantenere i tassi agli attuali livelli prossimi allo zero, fino a quando i politici non saranno sicuri che l'economia avrà "resistito agli eventi recenti".


  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: fai la somma dei numeri
N 8 b 7 Q 9
Trading strategies

Ultime notizie
petrolio.jpg
I produttori potrebbero decidere il prolungamento dei tagli da 9,7 milioni di barili almeno fino a inizio agosto
borsa-piazza-affari-1.jpg
La settimana si chiude all'insegna dell'ottimismo e in accelerazione dopo i dati migliori del previsto sul mercato del lavoro Usa
nfp-non-farm-payrolls.jpg
L'economia USA ha creato 2,5 milioni di posti di lavoro, registrando il maggior balzo mensile mai registrato dal 1939

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
trading-broker.jpg
Cerchi i migliori siti di trading online autorizzati? Ecco un confronto tra le proposte dei broker per accedere ai mercati finanziari
segnali-forex-gratuiti-affidabili.jpg
Quali broker offrono segnali trading forex affidabili e gratuiti? Fino a che punto si può considerarli segnali sicuri e come utilizzarli
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market