Home

Euro in ripresa sul dollaro (1,08). LA FED annuncia “misure aggressive” per combattere il Covid-19

Scritto da -

La valuta unica prima si è riavvicinata sui minimi degli ultimi 37 mesi verso 1,069, poi è rimbalzata verso l'alto

Dopo aver vissuto diversi giorni all’insegna dei numerosi e importanti interventi delle banche centrali, il primo giorno di seduta settimanale non ha riservato altri intervento sui tassi. Tuttavia, la FED ha deciso comunque di fare un altro passo importante, annunciando di voler fornire un supporto illimitato al sistema finanziario americano.
La Banca Centrale americana ha parlato di “ misure aggressive”, annunciando che acquisterà un ammontare illimitato di Treasuries bond e di mortgage-backed securities per supportare i mercati finanziari.
Sul mercato valutario, l’euro finalmente mostra un po’ di reazione dopo il calo dell’ultimo periodo.

Euro Dollaro in altalena

La giornata dell’EURUSD è stata scandita da tre fasi distinte, che vediamo in questa immagine tratta dal broker .

img

Una prima durante la quale la valuta unica si è riavvicinata sui minimi degli ultimi 37 mesi verso 1,069, probabilmente per metabolizzare l’ultima mossa della Fed.
La seconda fase ha visto invece un bel recupero della moneta unica, fino a spingere la coppia EURUSD sopra l’area 1,08.
L’ultima fase ha visto l’euro bruciare parte dei guadagni, dopo che è stato reso noto l’ulteriore peggioramento per la fiducia dei consumatori europei.
La stima flash per il mese di marzo è a -11,6 punti rispetto ai -6,6 di febbraio. Si tratta dei livelli più bassi dal dicembre 2015, ma comunque migliore delle attese (-14,2 punti).

Non è possibile commentare questo post.

IN EVIDENZA