dollaro-nuova-zelanda-3.jpg

CPI Nuova Zelanda soddisfa le attese. Kiwi ai massimi di 3 mesi sul dollaro (NZD-USD)

Scritto da -

Si riduce la possibilità di un taglio dei tassi da parte della RBNZ, dopo quello operato a maggio scorso
Il dollaro neozelandese ha messo le marce alte questa mattina, spingendosi verso i massimi di tre mesi contro il dollaro dopo i dati sull'inflazione.

Inflazione in Nuova Zelanda


Secondo i dati diffusi da Statistics New Zealand, nel secondo trimestre del 2019 l'inflazione è salita all'1,7% annuo dall'1,5% del periodo precedente. Il dato è in linea con il consensus, così come quello su base sequenziale, cresciuto dello 0,6%.
Cosa ancora più importante, questi valori sono in linea con le aspettative della RBNZ. In tal modo vengono parzialmente ridotte le aspettative di un taglio dei tassi in occasione del prossimo meeting di agosto (o almeno non aumentano).


Cosa farà la Reserve Bank of New Zeland?


La RBNZ - che è stata la prima banca centrale del G10 a tagliare i tassi in questo ciclo - ha effettuato già un taglio dei tassi a maggio con una decisione presa all'unanimità, portandolo a un nuovo record minimo dell'1,5%.
Va sottolineato che i mercati guardano molto ai dati sull'inflazione, giacché proprio questi ultimi dettano la politica dei tassi d'interesse da parte della Reserve Bank. Quest'ultima deve utilizzare la politica del tasso di interesse per garantire che l'inflazione rimanga entro la fascia target del 2-3% nel medio periodo.

Dollaro kiwi tonico


Dopo questi dati, la coppia NZDUSD si è spinta verso nuovi massimi di 3 mesi a 0,6738, come possiamo vedere su questo screenshot tratto da . Nel corso dell'ultimo mese, la coppia ha guadagnato oltre il 3,5%.

img


La coppia Kiwi ha recentemente beneficiato della debolezza del dollaro USD, come tutte le altre coppie di valute legate alle materie prime. Tuttavia, le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina continuano a rimanere presenti come un fattore negativo che comprime il rialzo della coppia.

Il kiwi inoltre si è apprezzato fino a 1,6715 contro l'euro (EURNZD). La coppia ha toccato il valore minimo dal 29 aprile scorso.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo le lettere (case sensitive)
C 1 X 7 x 1
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto