dollaro-australia.jpg

RBA, altro taglio dei tassi (1%). AUD-USD in calo verso 0,699

Scritto da -

La RBA potrebbe adeguare la politica monetaria "se necessario". Ciò suggerisce che la RBA è disposta a ridurre ulteriormente il tasso di liquidità
La banca centrale australiana ha deciso di operare una sforbiciata al costo del denaro per 25 punti base. La Reserve Bank of Australia (RBA) ha abbassato cioè il tasso di interesse al nuovo minimo storico di 1%, dopo avere fatto altrettanto nel meeting di giugno (la precedente riduzione, sempre di 25 punti base, risaliva all'agosto 2016).
Era dal 2012 che l'istituto centrale australiano non procedeva a un doppio taglio in due riunioni successive.

Il taglio dei tassi di interesse della RBA


La decisione della RBA era prevista dai mercati, anche perché il mese scorso il governatore Philip Lowe aveva dichiarato che l'inflazione verosimilmente sarebbe rimasta sotto al target della Rba (2%-3% annuo), e che un taglio sarebbe stato probabilmente appropriato.
La motivazione alla base di questa mossa accomodante sta proprio nella necessità di perseguire il target di inflazione, ma anche di sostenere il mercato del lavoro. Secondo l'istituto centrale infatti, il taglio dei tassi aiuterà a velocizzare la riduzione del tasso di disoccupazione (l'obiettivo è al 4,5%).



Va evidenziato che nella dichiarazione di accompagnamento della Banca centrale, è comparsa una piccola modifica rispetto al passato. Ovvero che la RBA potrebbe adeguare la politica monetaria "se necessario". Ciò suggerisce che la RBA è disposta a ridurre ulteriormente il tasso di liquidità. Ad ogni modo sarà necessario aspettare le previsioni economiche di agosto, per avere una visione più chiara di quanto "allentamento" potrebbe esserci da parte della RBA per aumentare l'inflazione.

Dai verbali dello scorso meeting di politica monetaria emergeva inoltre che la RBA sta pensando anche all'ipotesi di varare un proprio programma di allentamento quantitativo (QE). Una soluzione già usata negli ultimi anni da Stati Uniti, Regno Unito e BCE.

Aussie in calo


Sul fronte valutario, il cambio dollaro australiano-dollaro (AUDUSD) ha reagito scendendo fino a 0,6959 prima di rimbalzare a 0,6990.




Va detto che il deprezzamento dell'Aussie deriva soprattutto dallo slancio che ha avuto l'USD a seguito della "tregua" sancita con la Cina in relazione alla guerra commerciale.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo le lettere (case sensitive)
3 q V 8 C 3
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto